Ultimo aggiornamento alle 17:16
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la strage dei migranti

Cutro un anno dopo, il volto accogliente della Calabria e il volto respingente delle istituzioni

Reportage de “La Stampa” nel centro del Crotonese. Toccanti storie di umanità e solidarietà ma anche le mortificazioni subite dai sopravvissuti

Pubblicato il: 21/02/2024 – 7:47
Cutro un anno dopo, il volto accogliente della Calabria e il volto respingente delle istituzioni

CUTRO Storie di umanità e di solidarietà ma anche storie di insensibilità politica e burocratica. “La Stampa” racconta la strage dei migranti a Cutro quasi un anno dopo, un reportage sul posto per scoprire il volto accogliente della Calabria e il volto meno accogliente delle istituzioni. C’è la signora Angela Diletto Macrì che ogni giorno porta fiori alle tombe dei migranti sepolti senza nome nel cimitero di Cutro, c’è la testimonianza del sindaco di Cutro Antonio Ceraso secondo cui “siamo anche oltre integrazione, chi è straniero è parte del paese, per questo la strage del 26 febbraio scorso è stata vissuta come un lutto di famiglia”, anche se il sindaco rivela di non essere mai andato quest’anno sulla piaggia, “sarebbe stato impossibile fare il bagno”. Lo stesso vale – si legge nel racconto de “La Stampa” – per Vincenzo Luciano, uno dei primi pescatori ad arrivare sulla spiaggia di Cutro subito dopo il naufragio: “Da quel giorno continuo a  passare sulla spiaggia ma non sono più andato a pescare, non ci riesco”. E poi i sopravvissuti che hanno trovato lavoro soprattutto a Crotone, grazie anche al “cuore grande” della Calabria. Ma ci sono anche i risvolti tristi, come racconta Francesca Rocca, responsabile dell’area migrazioni della cooperativa Agorà Kroton per conto dell’assessorato comunale al Welfare coordina il progetto di inserimento spiegando che “dopo la strage le maglie dell’accoglienza anziché allargarsi si sono ristrette ulteriormente”, tanto è vero che solo uno tra i sopravvissuti ha ottenuto il permesso di soggiorno. “Quante promesse ci hanno fatto, tutte finite nel nulla”, dice uno dei migranti a “La Stampa”, che parla di “ultimo sfregio” nel titolo del reportage.

Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x