Ultimo aggiornamento alle 17:36
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il caso

«Si scrive Centro per il Rimpatrio, si legge carcere»

Il sindaco di Simeri Crichi, Davide Zicchinella: «Sono stato più volte in Africa e ho una visione totalmente diversa sulle metodologie»

Pubblicato il: 24/02/2024 – 7:54
«Si scrive Centro per il Rimpatrio, si legge carcere»

«Ha fatto bene il collega sindaco di Catanzaro Nicola Fiorita ad esprimere pubblicamente il suo dissenso sulla possibilità che venga costruito ad Alli un CPR (Centro Per il Rimpatrio), un vero e proprio carcere dove sono sostanzialmente detenuti immigrati ritenuti irregolari fuggiti, in gran parte, da Tunisia, Algeria e Marocco per motivi economici». Lo scrive il sindaco di Simeri Crichi, Davide Zicchinella. «Intanto è bene specificare che se la zona di Alli è effettivamente periferica per il comune di Catanzaro, condizione che potrebbe giustificare l’ individuazione del sito, non lo è affatto per il mio comune, Simeri Crichi». «Sulla sponda opposta del Fiume Alli, insistono, infatti, – scrive ancora il primo cittadino – la nostra Area Industriale ed il quartiere di Apostolello. Abitazioni e decine di insediamenti produttivi attivi e tanti altri in procinto di aprire o di insediarsi. In quella stessa zona è in via di realizzazione un Centro Antiviolenza finanziato dal Ministro dell’Interno per circa tre milioni di euro, in uno stabile confiscato alla criminalità organizzata. Lo stesso Ministero che adesso, dimostrando di non conoscere il territorio e neppure le buone pratiche di concertazione con gli Enti Locali, adesso vorrebbe realizzare un CPR». Per Zicchinella «Alli è un quartiere del comune di Catanzaro, ma per raggiungere il CPR che si vorrebbe realizzare, se ho ben capito la sua potenziale ubicazione, non si potrebbe fare a meno di utilizzare la viabilità ricadente nel nostro comune. Non voglio innescare una polemica ideologica. È chiaro che essendo stato più volte in Africa, nella mia qualità di pediatra, per missioni umanitarie (in Burkina Faso da cui partono tanti disperati verso l’Europa) ed essendo, per altro, studente in Sociologia, ho una visione totalmente diversa sulle metodologie da attuare per affrontare il tema della immigrazione che ha, per me, nei CPR una grande aberrazione». «Oggi faccio sentire la mia voce di Sindaco, per altro neppure interpellato, perché a ridosso del cuore produttivo ed economico della mia comunità, che si sta tentando di rilanciare dal punto di vista turistico e produttivo, si sta pensando – conclude – di relazionare un luogo di detenzione dopo aver subito in passato la collocazione della ex Discarica di Alli. Perché bisogna che al Ministro lo sappiano, il Cpr sarà pure nel comune di Catanzaro ma sarà il Comune di Simeri Crichi a pagarne ancora una volta le conseguenze. Chiaramente non staremo a guardare!».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x