Ultimo aggiornamento alle 14:32
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il commento

Antoniozzi: «Occhiuto sarà ancora presidente, la sinistra vive di demagogia»

Lo afferma il vicecapogruppo di Fdi alla Camera. «Un governo di dieci anni può dare una svolta alla Calabria»

Pubblicato il: 15/06/2024 – 10:33
Antoniozzi: «Occhiuto sarà ancora presidente, la sinistra vive di demagogia»

COSENZA «Roberto Occhiuto ha tutte le qualità per poter governare sino al 2031. Solo un governo di dieci anni può dare una svolta alla Calabria». Lo afferma il vicecapogruppo di Fdi alla Camera, Alfredo Antoniozzi. «Non entro nel merito di deleghe o altre cose che riguardano esclusivamente il Presidente e , per quanto ci riguarda, il nostro coordinatore regionale che è una donna di spessore: Fdi è un partito unito, coeso, con una rappresentanza consiliare e assessorile laboriosa e sobria, elementi che servono alla Calabria. Occhiuto sta lavorando bene – dice Antoniozzi – e certamente il governo lo supporterà nei settori chiave che risentono del fallimento del sistema regionale dei decenni trascorsi: è una responsabilità che riguarda entrambi gli schieramenti politici. Solo un lavoro di dieci anni può restituirci una sanità efficiente ma a quelli che ci criticano dico che abbiamo raccolto le macerie di undici anni di commissariamento fallimentari: qualcuno ricorda che uno degli ultimi commissari disse che gli avevano messo qualcosa nell’acqua per giustificare una dichiarazione fuori luogo?». «Mi pare che la sinistra faccia demagogia – dice Antoniozzi – e non abbia la capacità di fornire soluzioni alternative, compito che le opposizioni dovrebbero svolgere andando al di là della semplice protesta. Mi sembra incredibile che la sinistra protesti per l’autonomia differenziata dopo averla messa in Costituzione con ministri calabresi che erano allora in carica: è un’amnesia che non è concepibile. Dobbiamo piuttosto recuperare come coalizione un rapporto proficuo con il mondo cattolico che è tendenzialmente vicino a noi- dice Antoniozzi- e far capire che mai Giorgia Meloni dividerebbe il Paese: ciò che sarà fatto avverrà secondo i bisogni e le necessità della Calabria e del Sud».
«Non mi preoccupano le polemiche delle scorse settimane anche all’interno del centrodestra perché frutto di una campagna elettorale – continua Antoniozzi – anche se il vecchio detto, “i panni sporchi si lavano in casa” è sempre saggio. Vedo invece un centrosinistra diviso, con i Cinquestelle che pagano sempre l’alleanza con il Pd e non vedo come forze di centro come Azione e Italia Viva che peraltro in Calabria hanno ottenuto ottimi risultati possano mai andare a sinistra. Fratelli d’Italia ha grandi margini di crescita- conclude Antoniozzi- perchè rappresenta una destra che è sociale, liberale, identitaria : sono fiero del contributo che abbiamo dato per rieleggere il nostro Denis Nesci in Europa e lo abbiamo fatto con candidature di prestigio e di militanza, come quella di Luciana De Francesco, fatte mettendo da parte le ambizioni personali al servizio di un’idea».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x