Ultimo aggiornamento alle 14:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il report

Dalla Spagna alla Romania, l’espansione della ‘ndrangheta tra narcotraffico e riciclaggio

La relazione semestrale della Dia conferma come la criminalità calabrese sia ramificata nella maggior parte dei paesi europei

Pubblicato il: 19/06/2024 – 6:50
Dalla Spagna alla Romania, l’espansione della ‘ndrangheta tra narcotraffico e riciclaggio

FRANCIA Spagna, Francia, Regno Unito, anche Albania e Romania. È una ‘ndrangheta con ramificazioni ovunque quella che emerge nel report semestrale della Direzione Distrettuale Antimafia presentata oggi alla Camera dei Deputati. Un’organizzazione criminale capace di estendersi come nessun’altra dentro e fuori l’Europa, con radici nei più grandi paesi europei nonostante negli anni ci sia stata una stretta sulle leggi anticorruzione e antiriciclaggio. Le famiglie ‘ndranghetiste, secondo il report, “sfruttano” l’estero principalmente per reinvestire i soldi nell’economia legale, oltre alla gestione del narcotraffico.

Il narcotraffico

È il caso, ad esempio, della Spagna dove nel settore del traffico di droga la ‘ndrangheta «continua a mantenere un ruolo determinante». Un esponente del clan Romeo-Staccu di San Luca è stato arrestato, nell’ambito dell’inchiesta “Aspromonte Emiliano”, nel 2021 proprio su territorio spagnolo con l’accusa di essere a capo di una società criminale dedita al narcotraffico e di avere contatti con i sudamericani. Stessa accusa in operazioni diverse, ma che coinvolge sempre famiglie ‘ndranghetiste, in particolare del Reggino, tra cui i Pelle, Strangio, Nirta, Mammoliti, che avrebbero gestito il traffico di sostanze stupefacenti in terra spagnola. Così come in Spagna, anche in Francia il narcotraffico sarebbe in mano alla criminalità calabrese, che utilizzerebbe il paese francese, data la vicinanza, anche per «far trascorrere la latitanza di alcuni suoi affiliati» come conferma l’arresto a Saint’Etienne nel febbraio 2023 di un esponente, ricercato dal 2006, della cosca Perna-Pranno egemone a Cosenza. Anche il Belgio sarebbe stato “scelto” dalla ‘ndrangheta per delocalizzare alcuni sbarchi di droga, dati gli imponenti controlli nel porto di Gioia Tauro.

Reati finanziari e riciclaggio

Reati più “finanziari” invece quelli nel Regno Unito, dove le cosche vibonesi dei Mancuso e dei Bonavota sarebbero particolarmente attive. Le ‘ndrine sfrutterebbero «sofisticati meccanismi suggeriti da professionisti collusi» portando alla creazione di reti societarie finalizzate al riciclaggio. Consolidata ormai da anni la presenza della ‘ndrangheta in Germania, coinvolta in tre diverse operazioni delle Procure calabresi. Tra queste l’operazione l’”Andrea Doria” della Dda di Reggio Calabria con il sequestro di diverse aziende, tre delle quali con sede tedesca. Anche lungo la “rotta balcanica” la ‘ndrangheta si impone come prima criminalità organizzata e sempre per reati di natura finanziaria. Non a caso, sono stati rintracciati diversi conti bancari in Romania e Lituania riconducibili a esponenti della cosca Grande Aracri di Crotone. (Ma.Ru.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x