Ultimo aggiornamento alle 17:33
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

il personaggio

All’Umg di Catanzaro le nuove sfide della medicina con Südhof: «Qui vedo grandi potenzialità»

Il ricercatore di fama mondiale, già premio Nobel: «Ci sono molte possibilità di realizzare ricerca in collaborazione». L’incontro con Occhiuto

Pubblicato il: 10/07/2024 – 13:59
All’Umg di Catanzaro le nuove sfide della medicina con Südhof: «Qui vedo grandi potenzialità»

CATANZARO Le nuove frontiere e le nuove sfide per la ricerca in campo medico e bio-medico: dall’Università di Catanzaro la “lectio” di Thomas Südhof, dell’Università di Stanford, già premio Nodel per la Medicina e ricercatore tra i più illustri a livello internazionale. Ospite del Corso di dottorato in Scienze della Vita dell’Umg, Südhof si confronta con i docenti e soprattutto con gli studenti, i dottorandi e i ricercatori dell’ateneo catanzarese avviando di fatto una forte collaborazione per il futuro. La traccia è la relazione che Südhof ha esposto nel corso di un convegno dall’alto contenuto scientifico: “Progressi nella biotecnologia: innovazioni che guidano la scoperta di farmaci nei disturbi cerebrali”, questo il tema dell’incontro, che ha rappresentato l’occasione per spaziare con il docente di Stanford anche su aspetti di più stringente attualità.

«Grandi possibilità di collaborare con voi»

Secondo Südhof «ci sono nuovi importanti sviluppi nell’ambito della ricerca che aprono strade significative per quanto riguarda lo sviluppo sia delle conoscenze sia nelle possibilità di intervento per le malattie più importanti, da quelle oncologiche a quelle neurodegenerative. Sta diventando motivo di interesse per buona parte delle società scientifiche a livello internazionale il fatto che ci sia un aumento delle malattie neurodegenerative: questo è un allarme ma anche una sfida da un punto di vista della ricerca ma anche da un punto di vista socio-economico». Un passaggio inevitabile al tema dell’intelligenza artificiale, che per Südhof «è un mezzo per raggiungere obiettivi, e sicuramente nel campo della ricerca è assolutamente importante, ma i mezzi aiutano a raggiungere migliori obiettivi ma non possono sostituire il contributo dell’intelligenza umana».  Positivo l’approccio con la comunità scientifica e medica dell’Università di Catanzaro: «Vedo grandi potenzialità e – rileva Südhof – sono disponibile a dare il massimo supporto per crescere ulteriormente. Sono molto impressionato dalle persone che ho incontrato, eccellenti strutture sul piano scientifico e quindi vedo molte possibilità di realizzare ricerca in collaborazione e una grande possibilità di interazione tra la clinica e la ricerca di base, che può avere sviluppi interessanti».

Il saluto dell’Umg

Ad accompagnare Südhof il professore Vincenzo Mollace, coordinatore del Corso di dottorato in Scienze della vita dell’Umg, il Rettore dell’Università di Catanzaro Giovanni Cuda e il professore Pino Nisticò, uno dei massimi esperti di neuroscienze in Italia. «Come è evidente – dice il professor Mollace – il nostro corso di dottorato è estremamente interessato a costruire dei percorsi anche di internazionalizzazione, portare nel nostro contesto personalità come è il modo migliore per avvicinare i giovani alla ricerca, i giovani calabresi alla ricerca, provare a farli rimanere da noi, cosa che non è molto facile, ma noi ci stiamo quasi riuscendo». A sua volta Cuda parla di «giornata veramente emozionante per il nostro Ateneo, abbiamo il grande onore e il grande privilegio di accogliere una personalità come Thomas Südhof che è il paradigma di quello che a mio avviso dovrebbe essere un ricercatore, cioè un medico con una profonda conoscenza clinica ma che utilizza questo suo background per studiare e produrre ricerche i cui risultati sono alla base di una serie di trattamenti che sono attualmente anche in corso in diverse patologie».

L’incontro con Occhiuto

«Alla Cittadella la graditissima visita del premio Nobel per la medicina e docente dell’Università di Stanford, Thomas Sudhof. Un incontro piacevole e cordiale, durante il quale ho ricevuto i complimenti per la nostra “bellissima Regione, una terra splendida e piena di opportunità». Lo scrive su Threads Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria. (a. c.)

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x