«Un impegno per migliorare il futuro della Calabria»

di Ettore Jorio*

So bene che non è elegante scrivere su una iniziativa condivisa in prima persona, ma ho il dovere di farlo. Non già per favorire un qualche mio interesse privato (che non ho), bensì per ufficializzare la disponibilità per la collettività della Fondazione TrasParenza che, con Enrico Caterini, abbiamo avuto il piacere di costituire oltre quattro anni fa. Lo abbiamo fatto insieme a qualche giovane volenteroso di impegnarsi per il bene sociale, prima fra tutti la messa a disposizione degli strumenti utili all’occupazione di giovani laureati e delle conoscenze tecniche per migliorare le performance della PA locale, principalmente i Comuni.
In parte ci siamo riusciti, con qualche giovane che lavora e qualche amministrazione comunale che ha avviato a soluzione la perenne precarietà dei suoi bilanci.
È poca cosa rispetto alle nostre aspettative ma soprattutto in relazione al bisogno occupazionale espresso dalle nostre intelligenze, costrette ad emigrare in cerca di un lavoro che consenta loro di affrontare dignitosamente la vita.
L’impegno profuso dalla Fondazione TrasPArenza, che si spera sarà incrementato progressivamente della capacità didattica di tante generose intellettualità presenti nel nostro territorio, è in sintesi il modo:
– da una parte, di evitare da andare via così come fecero i nonni per fame nei fatidici anni ’20 generando opportunità interessanti ai giovani di Calabria;
– dall’altra, di contribuire alla formazione del ceto burocratico calabrese tanto da renderlo più performante.
In questi quattro anni di vita sono cresciuti sensibilmente le adesioni e il consenso. Di entrambi siamo fieri, orgogliosi di essere serviti a tanti giovani e a diversi enti locali.
Dovere di ciascuno di noi – intendendo per tali noi gestori della Fondazione TrasPArenza e gli intelligenti saperi che la Calabria possiede, cui va il mio invito a proporsi con la certezza di fare parte della «famiglia» – è impegnarsi per invertire questo stato di cose. Ciò in assenza di una politica incapace di programmare e realizzare la rinascita della Calabria e in presenza di una illegittima occupazione della ‘ndrangheta della conduzione del bene pubblico, che hanno, rispettivamente, reso impossibile garantire lavoro e sicurezza sociale.
Tutto questo ha causato la progressiva scomparsa dei calabresi residenti nella loro terra, strappati per non fallire dalle loro famiglie, dai loro luoghi di origine e dalle loro abitudini. Un popolo sofferente, quello destinato ad affollare il Mondo, ove è tuttavia riuscito spesso a conquistare posizioni favorevoli mantenendo nel cuore quella generosità che non trova eguali. Proprio per questo quanto di esso rimane merita una maggiore fortuna in patria, da valere anche come richiamo per chi è andato via.
La Fondazione TrasPArenza si pone l’obiettivo di contribuire ad un tale percorso rinnovatore, senza avere presunzione alcuna di farcela, come detto, da sola. Una candidatura, comunque, difficile da sostenere in relazione alla quale è stato elaborato un progetto di iniziative pubbliche e didattiche.
La metodologia individuata per gli eventi formativi – che riguarderanno, tra gli altri, la preparazione ai concorsi per le più importanti occupazioni pubbliche, una scuola per sindaci, la generazione di imprese e i nuovi strumenti di finanziamento (tra i quali, il crowdfunding) – sarà quella della «offerta a rate». Ciò nel senso che tutti i corsi, programmati in una serie di giornate a tema specifico, potranno essere acquistati, per intanto a prezzi moderati e facilitati per gli inoccupati, a lezione giornaliera ovvero ad intero ciclo.
Un modo per contribuire a generare un nuovo corso della gestione della res pubblica, una sorta di New Deal, che dovrà tracciare il segno per uscire dall’attuale spirale di sfiducia che ha colpito i calabresi e convertire «la ritirata» dei nostri giovani in progresso reale.
Da qui, un invito alla politica ad investire in tutte le iniziative che, come la nostra, si impegnano a costruire insieme il domani della Calabria.

*vicepresidente fondazione “TrasPArenza”





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto