«Unesco, Oliverio tenta di scaricare la figuraccia»

di Margherita Corrado*

Patetico. Non trovo aggettivo più adatto per commentare il tentativo del presidente della Regione e dei suoi valletti/e di scaricare su di me, e dunque sul M5S, la responsabilità della epocale figuraccia fatta in queste ore con l’ennesimo fiasco della candidatura della Sila a sito patrimonio dell’Unesco, figuraccia sua personale ma anche collettiva, purtroppo, nella misura in cui ufficialmente (ancora) ci rappresenta tutti. Anzi sì, aggiungo un secondo aggettivo: puerile.
L’arroganza questa volta lo ha tradito, anche questa volta lo ha tradito. Oliverio, infatti, non ha esitato a vantare la preliminare visita valutativa della UICN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura) come un successo e un’ipoteca sul risultato finale, e ciò anche per supportare la permanenza più che decennale della dott.ssa Sonia Ferrari nel ruolo di Commissario del Parco (sperando di garantirla sine die!). Nel momento in cui, però, sull’edizione veneta del “Corriere della Sera” del 19 gennaio 2019, a cinque giorni dall’esito finale dell’iter, è stato insinuato che la candidatura calabrese non dovesse impensierire i Veneti, perché la Calabria pareva essere sul punto di ritirarsi, ha taciuto. Anzi no, non del tutto: ha avuto la spudoratezza di accusare me, che il 23 gli chiedevo pubblicamente spiegazioni, di avere inventato ogni cosa.
Non ha gridato allo scandalo per l’indiscrezione pubblicata dal “Corriere” ma ha taciuto, ripeto, il nostro scaltrissimo Presidente, niente affatto stupito o indignato, perché sapeva bene che la Sila, anche quest’anno, non aveva alcuna probabilità di essere ‘premiata’ con uno dei due posti a disposizione. Meglio tacere, allora, per non attirare l’attenzione prima del 24 e solo dopo, a cose fatte, fingere il candore di chi cade dalle nuvole ed evocare fantomatici nemici…
La candidatura degli ecosistemi boschivi della Sila risale al 2012 e da allora non ha mai prodotto l’effetto sperato. Imputare l’ennesimo flop, quello del 2019, al Ministero dell’Ambiente che ha appena sostituito la Ferrari, stabilendo anzi un nesso di causalità tra i due fatti, come leggo, è veramente funambolico. Gli aggettivi sono diventati tre: patetico, puerile e funambolico. Anzi no, sono quattro, perché credere di potere ingannare ancora e così platealmente i cittadini calabresi, giocando in fine anche sul mantra della preferenza accordata al Nord in ragione del peso della Lega nel governo gialloverde – lo stesso di cui “Libero” lamenta, invece, che governano i terroni! –, qualifica il tentativo di barcamenarsi del Presidente-equilibrista anche come pietoso!
Eppure non è mai stata della partita, la Sila, perché se nel 2014 la stessa Unesco l’ha riconosciuta Riserva della Biosfera, e lì i requisiti c’erano, l’altopiano nel suo insieme non ha, lo ribadisco e chiunque può verificarlo, i requisiti minimi richiesti ai siti che l’Unesco riconosce patrimonio dell’umanità. Non li ha, e Oliverio lo sa benissimo, perché ha contribuito non a promuovere politiche che potessero cambiare in meglio le cose ma a peggiorare sensibilmente il quadro. Oltre che per l’eccessiva antropizzazione, infatti, la Sila soffre di abusivismo edilizio. In tema di agricoltura, non riesce a passare al biologico a causa dell’uso smodato di pesticidi nelle coltivazioni di patate e, quanto al patrimonio boschivo, oggetto specifico della valutazione, tagli indiscriminati e incendi sono all’ordine del giorno. Che dire poi delle tante centrali a biomassa autorizzate dalla Regione in spregio all’interesse collettivo e degli appetiti malsani che suscitano?
Come poteva pensare, Oliverio, di darla a bere all’inviato della UICN e come poteva pensare che, alla luce delle valutazioni di quello, il Consiglio direttivo della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco e il Ministero dell’Ambiente avrebbero appoggiato una farsa neppure tanto abilmente camuffata?! Ma no, non lo pensava… Pietoso, ecco, sì, pietoso è proprio l’aggettivo più adatto!

*Senatrice M5S







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto