«Il contributo dei privati alla sanità calabrese»

di Enzo Paolini*

Abbiamo illustrato la nostra posizione ben chiara all’ufficio del Commissario e al Dipartimento Tutela della Salute.
Noi vogliamo cogliere l’occasione per dimostrare concretamente, nei fatti, di poter realizzare ciò che da anni diciamo e cioè contribuire all’abbattimento delle liste d’attesa e dell’emigrazione sanitaria e al contenimento della spesa. Obiettivi che, come è noto, sono peraltro primari nel mandato dei Commissari.
Gli ultimi dati Istat ci dicono che, per questi motivi 4 milioni di italiani, in gran parte meridionali devono rinunciare alle cure.
Dunque, a parte le osservazioni che abbiamo rassegnato su aspetti tecnici e su errori che – a nostro avviso – sono contenuti nella proposta e che saranno certamente oggetto di attenta riconsiderazione da parte degli organi preposti, noi abbiamo inteso dare un contributo di politica sanitaria.
Abbiamo risposto alle proposte degli uffici cioè dichiarando la nostra disponibilità ad eliminare ogni contrasto ed a lavorare sulle liste d’attesa e sulla enorme quantità di prestazioni che vengono richieste – e pagate – fuori dalla Calabria.
In tal caso – una volta controllata e validata la effettuazione delle prestazioni, sul piano della appropriatezza e della qualità, e certificata la riduzione delle liste d’attesa e della emigrazione sanitaria – abbiamo dichiarato la nostra disponibilità alla loro remunerazione con regressioni tariffarie, cioè con spesa pubblica ridotta rispetto a ciò che si dovrebbe pagare (e la Calabria sinora paga) a tariffa piena ed ad altre Regioni.
Con questa manovra si coglierebbe oltre ai benefici sopra descritti, anche l’opportunità di consentire alle imprese del settore di competere con quelle di altre regioni, di crescere e magari di incrementare anche indotto a livelli occupazionali.

*Presidente Aiop Calabria







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto