«A Pizzo più facile costruire palazzi che una tomba»

di Maurizio Talarico*

Vorrei raccontare una disavventura che sto vivendo in prima persona nel comune di Pizzo Calabro.
Avendo un estremo rispetto per le istituzioni, mi dispiace molto essere costretto oggi a denunciare il loro degrado e la loro inefficienza, anche davanti ad una “cosa seria la morte” (come diceva il mitico Totó nella poesia la livella).
Le espongo brevemente il fatto: a gennaio 2017 è venuta a mancare mia madre che, tra le sue ultime volontà, ha chiesto di essere seppellita nella terra anziché in un loculo del cimitero di Pizzo. A seguito di regolare richiesta, il comune ha autorizzato la tumulazione nella terra.
Successivamente alla sepoltura, l’ufficio tecnico del comune mi ha informato che per realizzare la tomba avrei dovuto inoltrare una semplice richiesta di inizio lavori.
Nel momento in cui stavo per iniziare i lavori, invece, il responsabile dell’ufficio tecnico – architetto Giovanni Colace (cugino dell’ex sindaco Gianluca Callipo) – mi ha intimato, tramite il consigliere con delega sul cimitero Antonio Caglioti, di non eseguire i lavori se non avessi prima presentato un progetto.
Così ho presentato il progetto, realizzato da un tecnico da me incaricato, attendendo l’autorizzazione.
Non avendo a tutt’oggi avuto risposta, giorni addietro mi sono recato presso l’ufficio tecnico del comune per chiedere se ci fossero novità in merito al progetto presentato. I dipendenti presenti in quel momento in ufficio mi hanno detto che l’ingegnere Colace non è più in servizio presso il Comune di Pizzo e che non è stato nominato nessuno in sostituzione. In sostanza nessuno si può occupare della mia pratica.
Orbene, a causa del vento e delle pioggia invernali insistenti negli anni, il terreno che ricopriva la bara (posta anche in un luogo scosceso) si è disperso portando la bara di mia madre praticamente alla luce. Purtroppo, devo constare con molto rammarico che nel comune di Pizzo è più facile lottizzare e costruire residence e palazzi, come è avvenuto anche nel recente passato, che ottenere un’autorizzazione per la realizzazione di una semplice tomba.
*cittadino di Pizzo







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto