«Avanzi!»

di Franco Laratta*

Avanzi!
Ecco gli avanzi della nostra miseria.
Avanzi di un sabato notte.
Di una serata con gli amici.
Del piacere di stare insieme.
C’è un bel mare, tanti locali.
E poi la domenica mattina ci sono i…
Resti!
Resti della stupidità umana.
Della sporcizia che ci portiamo dentro.
Della nostra coscienza che puzza.
Di una notte sprecata, buttata al vento.

A Crotone c’è un bellissimo lungomare.
Ideale per le passeggiate all’alba.
Cosa che dà emozioni forti: lo consiglio a tutti.
Io ci vado spesso: l’alba è uno spettacolo di profonda bellezza.
Anche la notte è bellissima su quel mare.
C’è sempre una luna grande.
Che illumina e accende il mare.
Stamane il lungomare si presentava così.
Lurido e inzozzato dallo squallore della sera prima.
Centinaia di bottigliette vuote
Bicchieri, lattine, pacchetti di sigarette.
Non ci sono più le mascherine per terra:
a che servono ormai?
Più avanti, verso il mare al buio, scatole di pizze, fazzoletti e tovaglioli di carta. Profilattici.
Che bello: c’è il peggio di noi!
Ormai accade ovunque, e non ci facciamo più caso.
Al mare come in montagna.
Perché l’uomo è sporco dentro.
E si diletta a sporcare fuori.
È la nostra miseria che ci rende squallidi.
Non meritiamo la bellezza che ci circonda.
Non meritiamo nulla.

*Giornalista, già parlamentare





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto