«Per ricordare il piccolo Cocò»

di Angelo Palmieri*

Sono passati quasi sette anni dall’omicidio del piccolo Cocò brutalmente assassinato a Cassano all’Jonio. La Corte d’Assise d’Appello di Catanzaro ha confermato di recente l’ergastolo per gli autori materiali.
Papa Francesco, nel 2014, nella Piana di Sibari, pronunciò parole tranchant: “mai più bimbi vittime di tali atrocità, mai più vittime dell’ndrangheta”.
Non sono mancate celebrazioni alla memoria per denunciare ogni forma di potere criminale e di sopraffazione. Per il resto poco è stato fatto. La profonda ferita di quel barbaro crimine è stata lasciata sotto sferze di proclami, pistolotti moraleggianti, retorica da campagna elettorale.
Nonostante il contrasto delle forze di polizia, i clan imperversano con le loro attività criminali e di controllo capillare del territorio. L’influenza che esercitano sull’economia locale, unitamente alle dinamiche macro-economiche derivanti dall’emergenza sanitaria, delinea uno scenario dalle prospettive sociali per niente rassicuranti. Le ndrine sono in grado, infatti, di movimentare ingenti capitali, in gran parte proventi del narcotraffico, investendoli in ambito turistico-alberghiero, nella filiera della ristorazione e agroalimentare. Il sistema produttivo locale è esposto al giogo dell’usura e del riciclaggio.
L’ultimo Rapporto della Caritas Diocesana ci consegna l’immagine di numerose famiglie sempre più povere (oltre 2188 interventi sono stati erogati durante il lockdown, nei mesi di marzo e aprile).
Dunque, che fare? Optiamo per il fatalismo da cui siamo dominati culturalmente? Oppure guardiamo con coraggio alla possibilità di piccoli segni per ribadire la sacralità di ogni vita umana?
A tal proposito, l’Agenzia Nazionale Beni Sequestrati e Confiscati ha pubblicato, in questi giorni, con scadenza in ottobre p.v. il Bando per l’assegnazione diretta di beni confiscati a soggetti del Terzo Settore per finalità sociali. L’obiettivo è “la valorizzazione dei beni confiscati, finalizzata a permettere alle comunità colpite dal fenomeno mafioso di riappropriarsi delle risorse sottratte illecitamente alla collettività, mettendole al servizio della cittadinanza attiva e del bene comune”.
Questa nuova modalità di assegnazione, che di fatto interroga direttamente Enti e Associazioni senza scopo di lucro, rappresenta un’opportunità offerta al territorio per trasformarne le piaghe illegali in “feritorie di speranza”.
E’ opportuno che le realtà del Terzo Settore, insieme alla Chiesa Locale, si adoperino nella formulazione di un progetto comune di rifunzionalizzazione di un bene confiscato per la sua restituzione alla collettività. Sarebbe un’occasione irrinunciabile per iniziare a generare, a piccoli gesti, nuovo valore sociale ed economico.
Procediamo, dunque, ad individuare, al più presto, il bene adatto a presentare una proposta concreta. Facciamolo insieme, senza divisioni lasciandoci guidare dalla forza dirompente del “noi”, nel rispetto della memoria di Cocò e di tutte le vittime di mafia!

*Caritas Diocesi di Cassano all’Jonio





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto