Sequestrati sette centri di revisione auto nel Cosentino

COSENZA La polizia stradale di Cosenza ha sequestrato sette tra i centri più importanti per le revisioni degli autoveicoli nella provincia di Cosenza, denunciando decine di persone e sequestrando più…

COSENZA La polizia stradale di Cosenza ha sequestrato sette tra i centri più importanti per le revisioni degli autoveicoli nella provincia di Cosenza, denunciando decine di persone e sequestrando più di 1600 veicoli, oggetto di revisione. I centri di revisione, che sono stati monitorati attraverso l`uso di telecamere nascoste, non avrebbero ottemperato ai controlli di legge sulle auto dei clienti. Si tratta dei centri “Tiano Revisioni” e “Socel” di Cosenza, “Autocentro” di Montalto Uffugo, “Mattia” di Torano Castello, “Lappano Bruno” di Rende, “Besidiae” di Bisignano e “Carrozzino” di Castiglione Cosentino. Ventuno le persone denunciate, titolari e responsabili tecnici dei diversi centri di revisione. Nel caso del centro di Torano Castello, la denuncia segue a un arresto, per lo stesso reato, effettuato circa un anno fa. Individuati ben 1133 veicoli non a norma ma circolanti e sequestrati 1500 carte di circolazione. Apparentemente era tutto a posto, con bolli e certificazioni a norma di legge. Ma l`inchiesta, chiamata “Braking”, ovvero “frenata”, è partita perché la Polstrada continuava a fermare veicoli che erano dei veri catorci ma che avevano i documenti di revisione in ordine. Per questo sono state disposte delle telecamere nascoste a monitorare i vari centri di revisione della provincia. E se in alcuni casi tutto era fatto nel rispetto della legge, in altri casi ciò non era affatto vero. Si è scoperto che, quasi sempre con la compiacenza dei proprietari delle auto, che così non avevano le spese di adeguamento dei mezzi, le revisioni erano truccate. O i controlli non si facevano affatto o le misurazioni venivano effettuate su auto “muletto”, sempre le stesse, che avrebbero senz`altro dato valori positivi. «Ma tutto questo a scapito della sicurezza: la non perfetta efficienza dei mezzi è una delle cause più frequenti di incidente», ha sottolineato in conferenza stampa Antonio Provenzano, comandante della polizia stradale di Cosenza.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto