Cortale, l’auto della consigliera Papaleo è stata bruciata

Il rogo è doloso. Trovate tracce di benzina accanto al mezzo. In passato altre intimidazioni a esponenti dell’amministrazione

CORTALE È di chiara matrice dolosa l’incendio che la sera di martedì ha provocato danni all’auto della consigliera comunale di Cortale, Simona Papaleo. Accanto all’auto sono state trovate tracce di benzina che sembrano non lasciare adito a dubbi. Ad accorgersi dell’accaduto sono stati gli stessi familiari della Papaleo. L’auto, una Ford Fiesta, era parcheggiata molto vicina e all’abitazione e i bagliori delle fiamme hanno attirato la famiglia che è subito intervenuta nel cercare di domarle mentre contemporaneamente venivano chiamati i militari della Stazione di Cortale e i vigili del fuoco. Immediatamente sono scattati i primi accertamenti ed è stato dato il via alle indagini da parte dei carabinieri della Compagnia di Girifalco.
Non è la prima volta che a Cortale si manifestano tali atti intimidatori nei confronti di esponenti dell’amministrazione. A marzo scorso un ordigno artigianale era stato lasciato all’interno di una busta appesa al cancello di una villa di proprietà del sindaco di Cortale, Francesco Scalfaro. Il grosso petardo non era pronto a esplodere quanto a rappresentare un messaggio di minaccia. Il 12 luglio Francesco Scalfaro era stato raggiunto da una ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari perché coinvolto nell’indagine della Dda di Reggio Calabria, “Via col vento” su presunti interessi delle cosche nel giro d’affari dell’eolico. Il sindaco, secondo le indagini, avrebbe preteso l’assunzione di operai da lui indicati in alcuni interventi nel territorio comunale. Il primo cittadino è stato rimesso in libertà il 4 agosto dal Tribunale del riesame che ha accolto l’istanza dei difensori sull’«infondatezza della gravità indiziaria».
A questo punto Scalfaro è rientrato nelle funzioni di primo cittadino.
A marzo 2017, invece, era stata danneggiata da un incendio doloso l’auto dell’assessore Danilo Scollato, segretario del locale circolo del Partito democratico. La macchina era parcheggiata vicino all’abitazione dell’amministratore. Le fiamme, che si sono sviluppate da una ruota, sono state domate subito da alcune persone il cui intervento ha ridotto i danni.
Non è raro, dunque, che a Cortale avvengano atti intimidatori nei confronti degli amministratori. Aspetti sui quali gli inquirenti stanno cercando di fare chiarezza.

Alessia Truzzolillo
a.truzzolillo@corrierecal.it





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto