Tatiana uccisa con un mattone di 8 chili È caccia ai complici di Bevilacqua

LOCRI Un grosso mattone, pesante all`incirca otto chili: è il corpo contundente con il quale è stata uccisa Tatiana Kuropatyk, la 41enne ucraina violentata e assassinata e il cui cadavere…

LOCRI Un grosso mattone, pesante all`incirca otto chili: è il corpo contundente con il quale è stata uccisa Tatiana Kuropatyk, la 41enne ucraina violentata e assassinata e il cui cadavere è stato bruciato da un rom, Gianluca Bevilacqua, di 21 anni, che si è autoaccusato del delitto. Il mattone utilizzato per l`omicidio è stato trovato a pochi metri dal luogo dove è stato rinvenuto il cadavere della donna. A indicare ai carabinieri il luogo in cui ha gettato il mattone è stato lo stesso Bevilacqua nel corso del sopralluogo fatto ieri sul luogo dell`omicidio. Sul mattone sono state trovate tracce di sangue. Il ragazzo ha raccontato agli investigatori di aver utilizzato un sasso di medie dimensioni per colpire e tramortire la donna. Il sasso lo avrebbe poi buttato in mare. Successivamente ha trascinato i corpo della donna in un canneto, dove ha consumato la violenza sessuale e poi ha utilizzato il mattone ritrovato dagli investigatori per ucciderla. Sul luogo del delitto i carabinieri del Gruppo di Locri e della Compagnia di Bianco hanno trovato anche lo zainetto della vittima. All`interno c`erano tutti gli effetti personali di Tatiana Kuropatyk tranne il telefono cellulare. Bevilacqua ha raccontato agli inquirenti di aver buttato il telefono in un torrente.

LE INDAGINI CONTINUANO
Intanto proseguono a ritmo serrato le indagini dei carabinieri sull`omicidio di Tatiana. Gli investigatori, infatti, stanno cercando di accertare se Gianluca Bevilacqua, il ragazzo rom di 21 anni che si è autoaccusato del delitto, abbia agito con altri complici. I militari stanno verificando nei minimi dettagli il racconto fornito dal ragazzo. Dalla sua ricostruzione emergono alcuni dubbi circa la presenza di altre persone nel momento del delitto. Ed è anche per questo motivo che ieri i carabinieri hanno riportato Bevilacqua sul luogo del delitto per fargli ricostruire la dinamica dell`aggressione, della violenza e dell`omicidio. Gli accertamenti scientifici compiuti sul luogo dell`omicidio e gli esiti dell`autopsia forniranno agli investigatori sicuramente un quadro completo dal quale si potrà stabilire se Bevilacqua ha agito da solo oppure se con lui c`erano altri complici. (0040)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto