Sequestrata nel Vibonese un’area adibita a stoccaggio di rifiuti

Dopo i controlli dei carabinieri il titolare di un’azienda di Arena è stato deferito all’Autorità giudiziaria

ARENA I militari del Nucleo investigativo di Polizia ambientale agroalimentare e forestale di Vibo Valentia, coadiuvati da militari della Stazione carabinieri forestale di Serra San Bruno, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione di illeciti ambientali, con particolare riferimento alle violazioni connesse al ciclo dei rifiuti, hanno accertato, in località “Biviere”-Area P.i.p. del Comune di Arena che su un piazzale di circa 200 mq attiguo ad un opificio, era stato realizzato un deposito incontrollato di rifiuti non pericolosi. I rifiuti, costituiti da sacchi contenenti imballaggi, spugne, polistirolo e ritagli di pellame, elettrodomestici fuori uso, pneumatici e mobili fuori uso, per un totale di circa 40 metri cubi, erano riconducibili all’attività di un’azienda dedita alla realizzazione di divani e mobili in genere, il tutto in violazione ai quantitativi consentiti dalla normativa di settore.
Il piazzale ed i rifiuti, catalogati con i rispettivi codici Cer, sono stati posti sotto sequestro e l’amministratore unico della Società di gestione dell’azienda in questione è stato deferito in stato di libertà, alla competente Autorità giudiziaria. A carico dello stesso imprenditore è stata anche elevata una sanzione amministrativa per omessa tenuta del registro di carico e scarico di rifiuti speciali non pericolosi provenienti dall’attività di produzione.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto