Scoperti 195 falsi braccianti nel Cosentino, truffa da 800mila euro

Sono stati denunciati assieme ai titolari di una impresa agricola. Erano state dichiarate 25mila giornate lavorative finte. Riscosse illecitamente le indennità Inps

COSENZA Per riscuotere le indennità di disoccupazione, maternità e malattia presentava all’Inps denunce aziendali e trimestrali nelle quali indicava la fittizia conduzione di terreni agricoli attraverso l’impiego di 195 braccianti (mai assunti). A smascherare la truffa messa a segno ai danni dell’ente previdenziale da un’azienda agricola in provincia di Cosenza sono state le fiamme gialle della compagnia di Castrovillari, coordinate dal procuratore Eugenio Facciolla.
Consistente il danno alle casse dello Stato, valutato intorno agli 830mila euro. Nel corso delle indagini, dirette dal sostituto procuratore della Repubblica Antonino Iannotta e svolte anche con la collaborazione degli uffici Inps di Cosenza e Castrovillari, i finanzieri hanno approfondito i dati riferibili ai terreni indicati dalla cooperativa all’ente per giustificare il fabbisogno di giornate agricole e lavoratori, accertando come il legittimo proprietario dei terreni non avesse in realtà concesso in affitto ai titolari dell’azienda agricola – S. C. e M. R., italiani di 47 e 43 anni – la conduzione dei fondi per le coltivazioni. Venticinquemila le giornate lavorative mai effettuate e costate ai titolari dell’impresa, in concorso con i 195 falsi braccianti agricoli, una denuncia per falso e truffa ai danni dello Stato.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto