Eludeva gli obblighi giudiziari per incontrare gli affiliati, in carcere Giuseppe Alvaro

L’uomo è considerato un elemento di spicco dell’omonima cosca di Sinopoli

SINOPOLI I militari della locale stazione carabinieri e del Nucleo investigativo del Comando provinciale carabinieri di Reggio Calabria, hanno arrestato a Sinopoli, in esecuzione di un provvedimento emesso dal Tribunale di Reggio Calabria, Giuseppe Alvaro, classe 1943, già sottoposto agli arresti domiciliari, poiché responsabile di ripetute violazioni delle prescrizioni imposte dall’autorità giudiziaria.
L’uomo, alias “u trappitaru”, è ritenuto esponente di spicco dell’ omonima cosca dei “carnicani”, già soggetto alla misura cautelare degli arresti domiciliari per associazione mafiosa, a conclusione dell’ operazione “Iris” condotta dal Nucleo investigativo del Comando provinciale carabinieri di Reggio Calabria con il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria.
Le violazioni delle prescrizioni imposte dall’autorità giudiziaria, effettuate dall’uomo al fine di continuare a incontrare gli altri affiliati della consorteria criminale, sono state prontamente segnalate dalla stazione carabinieri di Sinopoli e hanno comportato l’aggravamento della misura cautelare degli arresti domiciliari con la sostituzione dalla misura cautelare della custodia in carcere.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto