Tentato omicidio a Grisolia, trovata l’arma del delitto

Il fucile è stato rinvenuto in un anfratto occultato da arbusti. Lo scorso 5 giugno era scoppiata una rissa tra famiglie

SCALEA I militari del Norm – Sezione operativa della Compagnia carabinieri di Scalea e quelli della stazione carabinieri di Santa Maria del Cedro, unitamente a personale dello Squadrone eliportato Cacciatori Calabria di Vibo Valentia, coadiuvati dai carabinieri forestali di Orsomarso, hanno rinvenuto l’arma presumibilmente utilizzata da R.D. per la commissione del tentativo di omicidio consumatosi il 5 giugno 2019 e in virtù del quale lo stesso si trova ristretto presso la casa circondariale di Paola per effetto del decreto di fermo del pm emesso dalla Procura della Repubblica di Paola.
Incessante l’attività di ricerca dell’arma da parte dei Carabinieri, nell’ambito delle indagini coordinate dal pm Maria Francesca Cerchiara, che hanno messo in campo le diverse specialità per il raggiungimento dell’obiettivo. Le ricerche si sono rese sin da subito difficoltose a causa della conformazione geografica del luogo in cui sarebbe stata lanciata l’arma, secondo la ricostruzione degli inquirenti, connotata da fitta vegetazione e terreno scosceso. Infatti, all’interno di una cavità situata in un anfratto tra le rocce, i carabinieri rinvenivano, occultato tra folti arbusti, un fucile da caccia a canne parallele tipo doppietta calibro 12.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto