Scarcerato e riarrestato dopo due giorni il boss ergastolano Paviglianiti

Il 58enne era stato rimesso in libertà per una complessa questione procedurale legata agli accordi con la Spagna per la sua estradizione

NOVARA Scarcerato e nuovamente arrestato, due giorni dopo essere tornato in libertà. Il boss della ‘ndrangheta Domenico Paviglianiti è tornato in carcere in esecuzione di un provvedimento sono stati i carabinieri di Novara in collaborazione con la polizia.
Paviglianiti – che era detenuto nel carcere della città piemontese – era stato scarcerato per effetto della decisione di un giudice di Bologna su una complicata questione di procedura (qui la notizia).
Il boss, condannato all’ergastolo, era stato catturato in Spagna nel 1996. L’estradizione era stata concessa a condizione che l’Italia non applicasse il carcere a vita (all’epoca non previsto dall’ordinamento spagnolo). Per questo, su richiesta dei legali, un gup di Bologna ha rideterminato la pena a 30 anni di reclusione, che tra un periodo e l’altro (compresi gli sconti per la liberazione anticipata) risultavano già scontati. Un successivo ricalcolo (una delle condanne passate in giudicato si riferiva a fatti avvenuti dopo l’estradizione) ha portato a un nuovo ordine di carcerazione.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto