Lamezia, rifiuti (e la carcassa di un cinghiale) su via del Progresso

Segnali di scarsa cura a pochi passi dal centro. Inizia la differenziata a San Teodoro. E la commissione straordinaria “minaccia” chi non si adegua

LAMEZIA TERME La carcassa di un cinghiale, probabilmente morto dopo essere stato investito da un’auto fa mostra di sé sul ciglio di via del Progresso. È lì fa qualche giorno, e nessuno si è preoccupato di portarla via. È probabile che si sia sceso dalle campagne fino al centro di Lamezia Terme per cercare del cibo, attirato forse dai cumuli di rifiuti che, anch’essi, fanno mostra di sé sul vialone che conduce a Nicastro. Due segnali – la carcassa lasciata nell’erba a pochi passi dal transito dei veicoli e i rifiuti che traboccano – di scarsa cura del territorio. Confermati, in una certa misura, da una nota che arriva dalla commissione straordinaria che guida il Comune di Lamezia e riassume lo stato dell’arte della raccolta differenziata.

I NUMERI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A SAN TEODORO «Lo scorso mese di luglio – si legge nella nota – sono stati consegnati i mastelli della raccolta differenziata nella zona San Teodoro per avviare la raccolta in una zona centrale del Comune di Lamezia Terme. La raccolta differenziata avviene attraverso un sistema evoluto che permette di monitorare il servizio di raccolta e valutare l’effettivo utilizzo da parte degli utenti». I numeri: «A circa venti giorni di attivazione della raccolta differenziata sono avvenuti più di 8mila conferimenti, che hanno permesso di ridurre notevolmente la quantità di raccolta indifferenziata. Infatti, ben 3.623 conferimenti sono di organico, 1.621 di multimateriale, 1.312 di carta e cartone, 710 di vetro e soli 1.194 di indifferenziabile. Quantità quest’ultima che certifica che i lametini sono pronti e preparati a effettuare la raccolta differenziata. Infatti – prosegue la nota –, dei 976 utenti dotati delle attrezzature consegnate dalla Lamezia Multiservizi SpA circa 736 utenti hanno effettuato la raccolta differenziata. Quindi solo 240 utenti non hanno mai conferito un rifiuto differenziato nonostante siano dotati di adeguate attrezzature».
«Nel corso delle prossime settimane – comunica ancora la Commissione – si verificherà, viste le ferie del mese di agosto, il perché questi utenti non stiano conferendo anche in virtù degli abbandoni che si sono verificati non appena la Società ha tolto i bidoni della raccolta rifiuti. Bisogna ancora fare tanto sulla sensibilizzazione e partecipazione dei cittadini alla raccolta differenziata, ma si constata che la maggioranza delle persone si indigna davanti a certe abitudini che danneggiano la città ed il decoro urbano. Si invitano quindi tutti i cittadini della Zona di San Teodoro ad effettuare una corretta raccolta differenziata e ad utilizzare, qualora non si abbia la possibilità di conferire nei giorni indicati nel calendario di raccolta, l’isola ecologica di Contrada Rotoli. L’abbandono dei rifiuti è un reato che sarà perseguito a norma di legge».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto