Legambiente: «In fiamme l’ecomostro di Brancaleone»

I presidenti nazionale e regionale Ciafani e Falcone denunciano quanto avvenuto nell’immobile confiscato nel complesso turistico “Gioiello del mare”

BRANCALEONE «Lo avevamo rinominato “ecomostro gioiello”, sotto sequestro della magistratura dal 2014 e da poco assegnato all’Agenzia dei beni confiscati alle mafie, il cantiere-deposito del complesso turistico “Gioiello del Mare” di Brancaleone è andato in fiamme nei giorni scorsi provocando una colonna di denso fumo nero. Un complesso di cui Legambiente aveva parlato nei suoi report MareMonstrum ed Ecomafia denunciando lo scempio ecologico e urbanistico prodotto dalla costruzione dei residence». È quanto affermano il presidente nazionale di Legambiente Stefano Ciafani e il presidente di Legambiente Calabria Francesco Falcone
«Purtroppo la cementificazione selvaggia e l’abusivismo edilizio restano una piaga del nostro Paese e qui spesso si annida anche la criminalità organizzata che ha sempre più interessi nell’edilizia e nel settore turistico. Un malaffare e un attacco all’ambiente che come associazione denunciamo da anni nei nostri report e anche a Brancaleone, in Calabria, dove nel 2010 siamo arrivati con Goletta Verde per riaccendere i riflettori su questo complesso turistico che deturpa il territorio calabrese con un blitz “Giù le mani dalla costa” e poi nuovamente nel 2014, nonostante le intimidazioni ricevute e l’ira degli amministratori locali. A nulla infatti sono valsi i tentativi di intimidirci con azioni di querela per diffamazione che poi sono state archiviate. Eppure in tutti questi anni qualcosa doveva e poteva essere fatto per abbattere quell’ecomostro su cui, grazie anche all’inchiesta Metropolis, si è scoperto il pesate ruolo che aveva la ’ndrangheta. Il nostro auspicio è che si agisca diversamente per tutti gli altri complessi edilizi che vanno a deturpare il territorio prima di arrivare a creare situazioni simili all’incendio che ha interessato il complesso di Brancaleone, un ecomostro costruito su un’area di straordinario valore ambientale scelta come luogo di nidificazione dalle tartarughe marine», concludono Ciafani e Falcone.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto