Why Not, assoluzione piena per Saladino. I legali:«Finisce una lunga vicenda»

La Suprema Corte di Cassazione, sezione sesta, all’esito dell’udienza di giorno 11 settembre, ha annullato senza rinvio la sentenza della Corte di Appello

CATANZARO «Il professore Giuseppe Della Monica e l’avvocato Giovanni Lacaria, difensori dell’imprenditore Antonio Saladino, esprimono grande soddisfazione per la decisione della Suprema Corte di Cassazione, sezione sesta, che, all’esito dell’udienza di giorno 11 settembre, ha annullato senza rinvio la sentenza della Corte di Appello di Salerno del 2018». Questo è riportato in una nota stampa dai due legali che continua: «Si precisa che la sentenza di Appello, di proscioglimento per intervenuta prescrizione, aveva ritenuto, in accoglimento parziale dell’impugnazione della parte civile e ai soli effetti della responsabilità civile, sussistere in astratto un’ipotesi di abuso. In ogni caso, in conseguenza della decisione della Corte di Cassazione “rivive” in toto la sentenza di primo grado del Tribunale di Salerno che ha assolto anche il dottor  Saladino perché il fatto non sussiste. Il professore Della Monica e l’avvocato Lacaria, convinti, sin dall’inizio, dell’estraneità del loro assistito rispetto ai fatti contestati, evidenziano che la decisione della Corte di Cassazione pone fine ad una vicenda giudiziaria molto lunga, iniziata nel lontano 2007, e complessa, rendendo parzialmente giustizia al dottor Saladino, sottoposto per anni alla gogna mediatica»





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto