‘Ndrangheta al Café de Paris, chieste 12 condanne in Appello

Il pg Mollace ha anche invocato la prescrizione per 6 imputati. Secondo l’accusa i clan calabresi avrebbero messo le mani su molte attività commerciali romane

ROMA Dichiarazione di prescrizione per sei degli imputati, altre prescrizioni per singoli capi d’imputazione e 12 condanne per complessivi 38 anni di reclusione. Sono queste le richieste fatte dal pg Francesco Mollace alla terza Corte d’appello capitolina per chiudere il processo di secondo grado istruito nei confronti di una serie di persone, ritenute dall’accusa componenti di un clan ‘ndranghetista attivo a Roma.
Gruppo criminale che, secondo l’impostazione accusatoria, nel tempo sarebbe entrato in possesso di numerose attività commerciali romane: bar e ristoranti del centro, come il Cafè de Paris in via Veneto, un tempo locale degli anni della dolce vita. In primo grado, nell’aprile 2014, la settima sezione penale del tribunale capitolino inflisse quattordici condanne (a pene comprese tra i sette anni e i due anni di reclusione) per complessivi oltre 40 anni di reclusione; a vario titolo e a seconda delle specifiche posizioni processuali, l’imputazione era ed è quella di trasferimento fraudolento di beni con l’aggravante mafiosa. Adesso, in sede di giudizio d’appello, il Pg ha chiesto una serie di riduzioni di condanne, per il fatto che nelle more della celebrazione del processo, alcune delle contestazioni sono da ritenersi prescritte. Per quanto riguarda lo specifico le richieste di condanna, il rappresentante dell’accusa ha chiesto 6 anni di reclusione per Vincenzo Alvaro (ritenuto dagli inquirenti il ‘capo’ del gruppo, in primo grado ebbe 7 anni), due anni per la moglie Grazia Palamara (in primo grado ebbe 4 anni), la conferma di quattro anni e mezzo per Damiano Villari. E poi, al netto delle riduzioni per le prescrizioni, le condanne di: Aurino Colao (2 anni), Roberto De Lio (3 anni), Giuseppe Lupoi (3 anni), Antonio Rocco Alvaro (2 anni e 8 mesi), Domenica Esposito (2 anni), Maria Concetta Palamara (2 anni), Nicola Ascrizzi (4 anni), Teodoro Gabriele Barresi (4 anni) e Maria Eufemia Billè (2 anni e 8 mesi).





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto