Cassano allo Ionio, il comune parte civile nell’inchiesta dopo lo scioglimento

La procura di Castrovillari ha avviato le indagini dopo lo scioglimento dell’amministrazione comunale per presunte infiltrazioni della criminalità organizzata

CASSANO ALLO IONIO Il Comune di Cassano allo Jonio si costituirà parte civile nel procedimento che vede come indagate 12 persone, tra cui l’ex sindaco, Gianni Papasso e alcuni dirigenti e dipendenti del tempo, nei confronti delle quali s’ipotizza l’accusa di turbata libertà degli incanti e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente. La Commissione straordinaria che amministra il Comune ha deliberato “di costituirsi sin d’ora, nelle forme previste dalla legge, come parte civile nel procedimento penale, secondo le norme di legge e per tutti i capi di imputazione contenuti nell’avviso di conclusione delle indagini preliminari nei confronti dei 12 indagati”. L’inchiesta in cui sono coinvolti l’ex sindaco Papasso e le altre 11 persone é stata avviata dalla Procura della Repubblica di Castrovillari dopo lo scioglimento del Comune per presunti condizionamenti da parte della criminalità organizzata. Il procedimento, condotto dai sostituti procuratori Antonino Iannotta e Angela Continisio, coordinati dal procuratore Eugenio Facciolla, hanno riguardato le pratiche “Big Unica”, “Garofalo Group” e “Maritato”, pratiche che erano state evidenziate nella relazione della commissione di accesso che aveva portato allo scioglimento del Consiglio comunale.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto