La fuga per amore di due giovani francesi ritrovate in Sila

Entrambe 14enni, avevano preso la macchina della nonna di una delle due ed avevano guidato a turno per quasi 2mila km. Erano scappate per poter vivere liberamente un’unione ostacolata dalle proprie famiglie. La loro fuga si è arrestata nel paesino di Bianchi

BIANCHI Un lungo viaggio senza una precisa meta, ma con il solo ed unico obiettivo di poter vivere liberamente il proprio amore. Questa è la storia delle due 14enni francesi rintracciate ieri nel cuore della Sila, dai Carabinieri di Bianchi.
Lo scorso 29 novembre, le giovani, si erano allontanate da Vence, un piccolo centro abitato a pochi chilometri da Nizza, a bordo dell’automobile di proprietà della nonna di una di loro.
Seppur non in possesso né dell’età, né tantomeno dei documenti, hanno intrapreso un viaggio lungo più di 11 giorni e quasi 2.000 chilometri. Secondo la ricostruzione raccontata ai militari, «valicata la frontiera italo-francese a Ventimiglia, sono poi riuscite, guidando a turno, a raggiungere Roma, dove hanno trascorso alcuni giorni facendo ricorso a tutti i loro risparmi».
L’altopiano calabrese doveva essere solo una tappa intermedia di questo viaggio, perché le due erano dirette in Sicilia. Mete romantiche, ma che sapevano anche di ritrovata serenità, dopo i tanti ostacoli affrontati per volere delle rispettive famiglie che si opponevano a questa unione.
Da qui la decisione di fuggire, fino a che, ormai esauste, si sono ritrovate nel piccolo centro di Bianchi, dove i carabinieri le hanno notate sdraiate sui sedili a bordo dell’autovettura . Nonostante i tentativi di dissimulare l’età e l’identità, sono state condotte dai carabinieri nella stazione per ulteriori accertamenti che hanno portato sa ricostruire la storia delle due giovani amanti. (f.d.)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto