Petilia, sono i Manfreda i due cadaveri ritrovati a settembre

Gli accertamenti non lasciano dubbi sull’identità dei due corpi ritrovati in un dirupo nel Crotonese. Dopo la scomparsa erano stati eseguiti 3 arresti

PETILIA POLICASTRO Sono di Rosario e Salvatore Manfreda, di 68 e 35 anni, padre e figlio, i corpi trovati il 4 settembre scorso a Mesoraca, nel Crotonese. A stabilirlo definitivamente sono stati gli accertamenti biologici eseguiti, attraverso il Dna, dai carabinieri del Ris di Messina. Rosario e Salvatore Manfreda erano scomparsi il giorno di Pasqua dello scorso anno e l’ipotesi investigativa che era stata fatta fin da subito dai carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Crotone, con il coordinamento del pm della Procura della Repubblica, Alessandro Rho, era che i due fossero stati uccisi ed i loro cadaveri fatti sparire. Ipotesi confermata dalle fasi successive delle indagini. Per il duplice omicidio sono stati arrestati Pasquale e Salvatore Emanuel Buonvicino, di 53 e 21 anni, padre e figlio. Un terzo arrestato, Pietro Lavigna, di 51 anni, è accusato soltanto della soppressione dei due cadaveri. Movente del duplice omicidio sarebbe stati contrasti per confini di terreni.
I corpi dei due, dopo gli accertamenti, sono stati già restituiti ai familiari







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto