Ai domiciliari per maltrattamenti, viene trovato in bici per le vie della città

Succede a Soverato dove un badante 40enne soggetto alla misura restrittiva viene scoperto dai carabinieri nel corso di un servizio notturno. Gli si contesta ora il reato di evasione

SOVERATO I Carabinieri della Stazione di Soverato, nel corso di un servizio notturno finalizzato al controllo dei soggetti sottoposti a misure limitative della libertà personale, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, S.M.D., 40enne, sottoposto agli arresti domiciliari per maltrattamenti contro familiari e conviventi, ritenuto responsabile di evasione.
Nella circostanza, i militari, giunti presso l’abitazione del soggetto al fine di accertare la sua presenza in loco, appuravano che lo stesso non era presente; tra l’altro, proprio per simulare la sua sagoma che riposava e trarre in inganno anche un anziano convivente di cui avrebbe dovuto prendersi cura in qualità di badante, aveva messo dei cuscini sotto le coperte. A questo punto, sono immediatamente scattate le ricerche e il prevenuto è stato rintracciato a bordo di una bicicletta, con uno zaino e una lampada da esterni, venendo pertanto tratto in arresto, in flagranza di reato, per evasione.
La Prima Sezione Penale presso il Tribunale di Catanzaro ha convalidato l’arresto, ripristinando la misura cautelare degli arresti domiciliari.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto