Coronavirus, a Fuscaldo famiglia in quarantena volontaria

Si tratta di persone tornate in Calabria ma residenti in Lombardia in un comune vicino a quelli dove si sono sviluppati i focolai. Il sindaco: «Non si tratta neanche di un caso sospetto»

Fuscaldo quarantena coronavirus

FUSCALDO Una famiglia residente in un comune della Lombardia, nelle zone limitrofe di quelle nelle quali si stanno sviluppando in queste ore i primi focolai nazionali di Coronavirus, si trova in isolamento volontario nel comune di Fuscaldo. In modo autonomo, infatti, hanno allertato i carabinieri e gli operatori sanitari che da protocollo sono intervenuti effettuando tutte le prescrizioni indicate nelle circolari ministeriali diramate per fronteggiare l’emergenza. La famiglia, tenuta sotto costante controllo, è al momento priva di qualsiasi sintomo che possa essere riconducibile a quello dei pazienti infetti da Covid-19. Il sindaco di Fuscaldo, Gianfranco Ramundo, con una missiva ai suoi cittadini ha spiegato che le persone saranno sottoposte al protocollo sanitario previsto, in casi del genere, dal Ministero della Salute. «Stiamo seguendo, ora per ora, la vicenda è restiamo in attesa di comunicazioni ufficiali – spiega il sindaco – mi preme sottolineare che per il momento non si tratta neanche di caso sospetto».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto