Sospetto caso di Coronavirus a Cetraro, il dipartimento: «Si rimane in attesa del test dell’Istituto superiore di sanità»

L’annuncio della presidente Santelli sul caso sospetto di un cittadino dal Lodigiano: «È asintomatico. Si attende l’esito del test di conferma da parte dell’Istituto superiore di Sanità». L’analisi verrà effettuata nelle prossime ore. Il paziente cetrarese nel computo dei dati giornalieri della Protezione civile

CETRARO «Un primo caso sospetto di Covid 19 si è registrato oggi a Cetraro. Si tratta di una persona proveniente da uno dei Comuni della “zona rossa” del Lodigiano, già sottoposto sin dal suo arrivo in Calabria a isolamento domiciliare». Lo afferma, in una nota diffusa dall’ufficio di presidenza, il governatore della Calabria Jole Santelli. «Il paziente è asintomatico – sottolinea – e si attende l’esito del test di conferma da parte dell’Istituto Superiore di Sanità. Sono in contatto con il ministero della Salute per il monitoraggio del caso e l’applicazione del protocollo sanitario indicato dalle linee guida nazionali». Santelli parla di «conferma» perché l’uomo sarebbe risultato positivo al primo test effettuato e, da protocollo, si può definire caso sospetto fino all’esito del secondo esame previsto all’Iss.
HA VIAGGIATO IN AUTOBUS? L’uomo, secondo quanto è stato possibile apprendere, sarebbe rientrato da meno di una settimana da un’area della “zona rossa” e si sarebbe posto in auto quarantena. Sono in corso approfondimenti per capire con quale mezzo sia tornato in Calabria dalla Lombardia. Se dovesse essere rientrato in autobus, come pare, la macchina dell’emergenza dovrebbe mettersi al lavoro per contattare tutte le persone che hanno condiviso il viaggio con lui. Il quadro clinico del paziente, al momento, non desta preoccupazioni.
LA CONFERMA DEL DIPARTIMENTO Arriva la conferma anche da fonti del dipartimento regionale alla Sanità sulla positività del test effettuato a Cosenza sul paziente di Cetraro rientrato dal Lodigiano con la famiglia. All’uomo che si era sottoposto ad un periodo di auto quarantena volontaria era stato praticato un tampone faringeo risultato appunto positivo all’analisi effettuata dall’istituto di Virologia di Cosenza. Si dovrà attendere, spiega la fonte autorevole, l’esito delle analisi sul tampone inviato all’Istituto superiore di sanità.
I DATI DELLA PROTEZIONE CIVILE Complessivamente sono 888 le persone hanno contratto il coronavirus in 13 regioni e in una Provincia autonoma. Nel dettaglio: i casi accertati di Coronavirus in Lombardia sono 531, 151 in Veneto, 145 in Emilia-Romagna, 19 in Liguria, 11 in Piemonte, 8 in Toscana, 6 nelle Marche, 4 in Sicilia, 4 in Campania, 3 nel Lazio, 3 in Puglia, 1 in Abruzzo, 1 in Calabria e 1 nella Provincia autonoma di Bolzano. I pazienti ricoverati con sintomi sono 345, 64 sono in terapia intensiva, mentre 412 si trovano in isolamento domiciliare. 46 persone sono guarite. I deceduti sono 21, questo numero, pero’, potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto