Anm: una borsa di studio per ricordare Bruno Caccia

TORINO Una borsa di studio in ricordo di Bruno Caccia, il magistrato ucciso dalla ‘ndrangheta a Torino trentuno anni fa: l’iniziativa è dell’Anm del Piemonte, organismo presieduto da Giuseppe Marra,…

TORINO Una borsa di studio in ricordo di Bruno Caccia, il magistrato ucciso dalla ‘ndrangheta a Torino trentuno anni fa: l’iniziativa è dell’Anm del Piemonte, organismo presieduto da Giuseppe Marra, ed è stata presentata oggi, al Palazzo di Giustizia di Torino, durante una cerimonia di commemorazione. Bruno Caccia, capo della Procura di Torino, cadde vittima di un agguato il 26 giugno 1983. Il mandante, un boss della ‘ndrangheta, venne arrestato e condannato all’ergastolo (la sentenza è definitiva) ma, oggi, il giudice Francesco Gianfrotta, responsabile dell’ufficio gip del Tribunale, assicura che «l’omicidio Caccia è uno di quei fatti su cui non si smetterà mai di indagare». «Nessuno – ha aggiunto – si faccia illusioni. Per chi non è stato assicurato alla giustizia è solo questione di tempo. Non si tratta di seguire suggestioni o ipotesi, ma di preparare le condizioni perché, all’esito di giusti processi, chi deve pagare paghi. E pagherà anche chi, essendo interessato alla morte di Caccia, sapendo quello che stava per succedere ha girato la faccia dall’altra parte». Fra i molti ricordi spicca quello del procuratore generale Marcello Maddalena: «A Caccia non sarebbe piaciuta una magistratura competitiva come quella che, talvolta, si vede al giorno d’oggi». La borsa di studio si rivolgerà ai frequentatori della scuola di specializzazione della magistratura. (0050)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto