Corigliano Rossano, il cuore di Gattuso per un’ambulanza (in più) anti coronavirus

Il campione milanista, nato e cresciuto a Schiavonea, risponde all’appello del sindaco Stasi e contribuisce sostanzialmente all’acquisto del mezzo di soccorso che sarà donato al 118 dello spoke cittadino

di Luca Latella
CORIGLIANO ROSSANO Quando c’è da metterci il cuore, Rino non si risparmia mai. In campo con i compagni del Milan, da campione del Mondo, poi da allenatore. Gattuso della generosità ne ha sempre fatto una filosofia di vita. Cuore e polmoni ma anche portafogli. Una fondazione, la scuola calcio “Forza ragazzi” a Schiavonea, diverse attività sul territorio, hanno sempre fatto di Rino, un eroe ed un esempio. Per i grandi e soprattutto per i piccini.
Sì, perché il grande Gennaro Gattuso, nato e cresciuto a Schiavonea, borgo marinaro di Corigliano Rossano, non è rimasto insensibile alla richiesta di aiuto del sindaco, Flavio Stasi.
Nei giorni scorsi, il primo cittadino, in un momento di grande crisi sanitaria e per fronteggiare l’emergenza coronavirus, aveva lanciato un appello. E spiegato che in questa fase emergenziale – con l’ospedale di Rossano trasformato in Centro Covid – due ambulanze, arriveranno dalla Regione mentre un altra sarà acquistata dal comune di Corigliano Rossano e donata allo spoke di Corigliano Rossano. E questo perché uno dei mezzi a disposizione, con gli oltre 700mila chilometri percorsi, passa più giorni in officina a Cosenza (un bizzarria giacché l’Asp ha sottoscritto solo convenzioni con meccanici del capoluogo) che in servizio.
Insomma, da quando l’altro ieri il sindaco ha lanciato questa campagna, la corsa alla solidarietà è stata “olimpica”. «Ringrazio tutti per quanto state facendo – ha accennato Stasi – soprattutto quelli che stanno contribuendo con 50, 20, 10 euro. Significa che ci sono e che vogliono esserci, anche in periodi particolari come questi».
All’appello di Stasi non poteva mancare il fuoriclasse. Del calcio. E di cuore, come Gennaro Gattuso che ha contribuito in modo sostanziale per l’acquisto del mezzo di soccorso.
L’allenatore del Napoli – ma col sangue rossonero sin da ragazzo – risponde sempre “presente” quando c’è da mettere il cuore. (l.latella@corrierecal.it)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto