Coronavirus, «controlli inadeguati» sullo Stretto, sindacati pronti al blocco traghetti

Filt Cgil e Uiltrasporti denunciano problemi sulle verifiche sanitarie. «Si intervenga o fermeremo i mezzi veloci»

PALERMO «Persiste la mancanza di adeguati controlli sanitari agli imbarchi dei mezzi veloci Blu Jet nei porti di Villa San Giovanni e Reggio Calabria. In mancanza di interventi si sospenderanno le attività». A lanciare l’allarme sono Filt Cgil e Uiltrasporti che «già 5 giorni avevano segnalato, con nota formale inviata a tutte le istituzioni competenti, la mancanza di adeguati controlli sanitari».
«Ad oggi constatiamo che nulla è cambiato nonostante l’emergenza sanitaria stia deflagrando anche in Sicilia – dicono –. Ci risulta che in queste ore un componente degli equipaggi di Blu Jet sia risultato positivo al Covid 19 e pertanto  invitiamo gli enti preposti e l’azienda a porre subito in essere le  procedure previste a tutela dei restanti lavoratori dell’equipaggio o  di quanti possano esserne stati a contatto durante il servizio». I  sindacati denunciano anche la mancanza di un riscontro su «un  viaggiatore sottoposto il 26 marzo a controlli medici presso  l’ospedale Papardo dopo essere sbarcato a Messina con febbre alta e controllato dal cordone sanitario dislocato unicamente al porto di  Messina».
«Se con urgenza le istituzioni non porranno in essere gli  interventi necessari – concludono  Filt Cgil e Uiltrasporti – non si  esclude, a tutela della salute e della sicurezza di chi opera, a mare  e a terra, che si procederà al blocco cautelativo di tutte le attività di traghettamento veloce tra le sponde dello Stretto».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto