Coronavirus, l’Unical fa i test per certificare le mascherine

Una rete di laboratori promossa dall’Ateneo a disposizione delle aziende che stanno convertendo la propria produzione: verificherà la conformità dei dispositivi agli standard ministeriali

RENDE L’Università della Calabria ha promosso una rete di laboratori per verificare la conformità delle mascherine chirurgiche realizzate dalle aziende, che in queste settimane stanno convertendo la propria produzione per far fronte all’emergenza coronavirus. I laboratori integrano strutture dell’ateneo e del territorio. La rete, ribattezzata MasKTest Unical, aderisce all’iniziativa Unical vs Covid19, un piano di intervento voluto dal rettore Nicola Leone per mobilitare le competenze accademiche al servizio del territorio.
Al suo interno si eseguono tutte le analisi necessarie per verificare la rispondenza delle mascherine, come dispositivi medici, agli standard UNI EN ISO 14683 ed UNI EN ISO 10993, richiesti dal Ministero della Salute. Un passaggio essenziale per ottenere la certificazione dagli enti accreditati.
I REQUISITI Nei laboratori di MasKTest Unical, in particolare, si testano i requisiti di fabbricazione, progettazione e prestazione delle mascherine chirurgiche attraverso la valutazione della capacità filtrante, del carico biologico, della traspirabilità e biocompatibilità, elementi che sono alla base delle norme di riferimento al fine di garantirne la rispondenza agli standard di sicurezza igienico-sanitaria. Tutti requisiti fondamentali per proteggere il personale sanitario e la popolazione dal Covid19 e contenere il rischio di contagio.
LE AZIENDE DELLA RICONVERSIONE Il servizio offerto si rivolge alle aziende che in queste settimane, rispondendo all’appello del Governo, stanno riconvertendo parte delle linee di produzione per la realizzazione di dispositivi di protezione come le mascherine chirurgiche. Aziende che stanno incontrando difficoltà proprio per la carenza di enti di certificazione e di laboratori di prova, capaci di attestare l’effettiva efficacia ed il grado di protezione dei dispositivi.
MaskTest Unical, lavorando anche in collaborazione con altre istituzioni regionali e nazionali, è in grado di individuare eventuali criticità e di suggerire soluzioni correttive per i dispositivi pronti per la produzione e la distribuzione. La rete di laboratori, inoltre, accompagna le aziende nell’adesione ai protocolli di qualità e alle buone pratiche di produzione di dispositivi medici, adeguandoli agli standard richiesti.
IL TEAM Il gruppo di lavoro di MaskTest Unical è composto dai professori Vincenzo Pezzi (Dipartimento di Farmacia e Scienze della Salute e della Nutrizione), Gerardo Catapano, Francesco Longo (Dipartimento di Ingegneria meccanica, energetica e gestionale), Amerigo Beneduci (Dipartimento di Chimica e Tecnologie Chimiche), insieme ai rappresentanti degli spin-off e dei laboratori del territorio che hanno aderito: Fabio Amone per Macrofarm, Pasquale Alfano per TifqLab, Giovanni Notti per Geo Lab, Giulia Fresca per Fresca’s Engineering Service.
Il team tecnico è coadiuvato per gli aspetti amministrativi da Katia Pullia, Ufficio Laboratori ed Infrastrutture e dagli Uffici dell’Area Finanziaria. MaskTest UniCal è raggiungibile all’indirizzo email: masktestcovid19@unical.it.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto