Contagi a “Villa Torano”, M5S: «Vengono dati dei numeri del lotto»

Appello dei parlamentari Parentela, D’Ippolito e Sapia sul focolaio Covid-19 scoppiato all’interno della Rsa: «Accertare le responsabilità della grave vicenda»

COSENZA «La vicenda dei contagi di pazienti e dipendenti della residenza sanitaria Villa Torano sta assumendo contorni sempre più gravi. Sembra che ogni giorno vengano dati dei numeri del Lotto rispetto ai contagi. Ci auguriamo che la magistratura faccia al più presto luce sui fatti e sulle eventuali responsabilità che, stando agli aggiornamenti delle cronache, sembrano essere non escludibili». Lo affermano, in una nota, i deputati M5S Paolo Parentela, Giuseppe d’Ippolito e Francesco Sapia, che precisano: «Nello specifico va registrata l’evidente inadeguatezza di gestione da parte della Regione Calabria. Siamo rimasti a lungo in silenzio per rispetto del momento emergenziale, ma a questo punto non possiamo tacere sulle responsabilità delle competenti strutture regionali e in primo luogo dei loro dirigenti, che la presidentessa della Calabria, Jole Santelli, si ostina a mantenere nonostante quanto avvenuto alle cliniche di Torano, di Chiaravalle Centrale e di Bocchigliero». «Soprattutto – proseguono i tre deputati del Movimento 5 Stelle – l’opinione pubblica ha il diritto di sapere, con riferimento alle precise dichiarazioni del commissario dell’Asp di Cosenza, Giuseppe Zuccatelli, perché e a che titolo Claudio Parente, tra i proprietari della residenza per anziani Villa Torano, abbia interloquito con il laboratorio di Virologia che ha analizzato dei tamponi effettuati. L’intera vicenda solleva legittimi e pesanti interrogativi, anche con riguardo ai 200 tamponi che la Protezione civile regionale avrebbe fornito direttamente alla struttura privata in questione e, peraltro, alla concomitante uscita di scena del direttore sanitario del policlinico universitario di Catanzaro, episodio su cui Santelli dovrebbe spiegare a modo ai calabresi, senza indugiare oltremodo».
«L’essenziale, adesso, è che per tutte le case di riposo – concludono Parentela, D’Ippolito e Sapia – siano effettuati controlli scrupolosi al fine di tutelare la salute degli anziani e del personale in servizio. Nel merito chiediamo che l’unità di crisi regionale renda al più presto note le misure previste e, a parte, auspichiamo una verifica accurata, da parte della Regione Calabria, circa l’accreditamento di strutture sanitarie private che fossero riconducibili a Parente».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto