Provincia di Catanzaro, «sul caso “Siciliani” vengono prima i diritti degli studenti»

Il consigliere del Pd Zicchinella: «Il mio sì all’approfondimento della pratica è subordinato a una valutazione che non crei danni all’ente e non scontenti nessuno»

CATANZARO «Come si evince dalla lettura dell’atto deliberativo approvato dal Consiglio Provinciale in data 6 maggio 2020 si tratta non di una decisione definitiva ma di un atto di indirizzo al quale gli uffici provinciali competenti dovranno esprimere parere tecnico. Non si è assunta nessuna decisionedefinitiva ma si è vagliata una proposta di acquisto di uno stabile parzialmente realizzato che da 11 anni per vari tecnico/amministrativi aspetta di essere completato». È quanto si legge in una nota di Davide Zicchinella, consigliere provinciale del Pd, sulla questione del liceo Siciliani di Catanzaro. «Quando si “maneggiano” fondi pubblici – scrive il consigliere – bisogna essere molto accorti. Ora, come auspicato durante in mio intervento in consiglio provinciale, si apre la partita vera. Ognuna delle “Parti in Causa” può far valere i propri diritti e le proprie priorità. La dirigente ed il corpo docente del Liceo Scientifico “Siciliani”. Il presidente del Consiglio di Istitito Luciano Conforto con cui ho già avuto il piacere di confrontarmi. Gli studenti con i loro organi rappresentativi. Come hanno già iniziato a fare. I dirigenti della Guardia di Finanza Provinciale».
«Il mio voto favorevole a un approfondimento della pratica – continua Zicchinella – era ed è subordinato ad una valutazione costi/benefici che non crei danni all’Ente e che non “scontenti” nessuno. Come è espressamente scritto nel “corpo della delibera”, ogni decisione è demandata a successivo atto deliberativo previa valutazione tecnica della pratica da parte degli uffici competenti. È in essere un finanziamento, per circa 3 milioni di euro, per l’adeguamento sismico e la messa in sicurezza dell’attuale edificio del “Siciliani”. Anche questo è stato un elemento emerso (e utile alla discussione) durate i lavori d’aula. Ma, anticipo, che per la valutazione definitiva della pratica, oltre alla valutazione costi/benefici peserà, per me e per il gruppo che rappresento in Consiglio Provinciale (Partito Democratico), più di tutto la volontà dai primi assegnatari dell’opera pubblica, Studenti e Corpo docente».
«Rimango a disposizione – conclude il consigliere – per ogni opportuno confronto su tale importante tema. In pochi giorni dall’approvazione di questo Atto di Indirizzo, come anticipato, ho già avuto importanti contatti. Rimaniamo sul pezzo senza cercare efffimera visibilità e/o fare speculazione politica. Sarebbe facile anche per me che appartengo ad un fronte opposto all’attuale Governo Provinciale. Ma mai come oggi e in periodo critico come questo serve equilibrio, rigore e serietà».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto