La promessa strappata dalle Fem.in: «I consultori riapriranno a inizio giugno»

Le ragazze che avevano occupato simbolicamente gli spazi ambulatoriali di Cosenza sono state ricevute dal commissario dell’Asp, Giuseppe Zuccatelli, ed hanno ottenuto rassicurazioni circa lo svolgimento delle visite e le condizioni di sicurezza degli ambienti

COSENZA «Questa mattina, mentre in via degli Alimena si radunavano decine di persone in presidio, una delegazione del nostro collettivo è stata ricevuta dal Commissario dell’Asp di Cosenza, Giuseppe Zuccatelli. Il tavolo, ottenuto lunedì scorso grazie all’occupazione simbolica del consultorio di via Popilia, aveva per noi l’obiettivo di ottenere risposte e chiarimenti rispetto alla mancata riapertura dei consultori e degli ambulatori. Nell’ultimo mese, infatti, sono state diverse le ordinanze e le circolari emanate dalla Regione per riattivare i servizi ambulatoriali, ma puntualmente la data è stata posticipata a causa dell’impossibilità delle strutture di rispettare le misure anti-contagio». Sono le parole con cui il collettivo “Fem.in Cosentine in Lotta” annuncia gli esiti dell’incontro che si è tenuto nell’azienda sanitaria provinciale dopo la richiesta di riapertura delle attività mediche e ambulatoriali dei consultori. «Durante l’incontro abbiamo chiesto quando avverrà ufficialmente la riapertura effettiva e come si svolgerà la riorganizzazione delle centinaia di migliaia di visite e di esami annullati durante la fase di emergenza. Il  commissario ha risposto che dall’1 Giugno troveremo finalmente aperte le porte dei nostri ambulatori e consultori, assicurandoci una riapertura in sicurezza – spiegano in un comunicato le attiviste -. Le visite annullate verranno riprogrammate da lunedì prossimo fino al 31 Ottobre, mentre le nuove prenotazioni slitteranno inevitabilmente all’1 Novembre. Oltre a segnalare la grave situazione ambulatoriale della fase 2, abbiamo portato sul tavolo anche alcune richieste rispetto all’organizzazione dei consultori sul territorio provinciale. In questo ultimo anno abbiamo svolto molteplici ricerche e abbiamo constatato l’assoluta carenza delle prestazioni di queste strutture. Le nostre richieste sono state: trasparenza sulla gestione dei fondi destinati ai consultori, assunzione di personale e tourn over delle figure professionali, acquisto di nuove strumentazioni adeguate, contrasto all’illegittima applicazione dell’obiezione di coscienza. Abbiamo inoltre segnalato le problematiche degli immobili in cui i consultori sono ubicati: la maggior parte, infatti, sono strutture di proprietà privata per le quali vengono pagati milioni di euro di affitto e non risultano comunque a norma. Il Commissario ha ribadito la sua disponibilità ad accogliere le nostre istanze e, il coordinatore dei consultori della provincia, Nicola D’Angelo, anch’egli presente al tavolo, si è detto pronto a prendere provvedimenti per sanare le mancanze e i disservizi. Il tavolo di stamattina, per noi, significa che lottare è l’unica strada per ottenere una sanità migliore e più equa. Non è accettabile subire i disservizi e la malagestione sanitaria senza reagire, non è tollerabile dover rinunciare alla prevenzione e alle cure. Non tutte e tutti possono rivolgersi alla sanità privata, che invece viene generosamente finanziata, ed è nostro dovere lottare affinché il diritto alla salute venga garantito a chiunque. Da domani continueremo ancora più assiduamente a vigilare su ciò che ci circonda, facendo sentire la nostra voce con ogni mezzo possibile. Se noi non lottiamo, nessuno lo farà al nostro posto».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto