Emergenza sanità a Cosenza, Covelli: «All’Ospedale non si curano neanche i malati gravi»

Il consigliere comunale del Pd: «Le sale operatorie non hanno ripreso a pieno la loro normale attività: le unità operative sono autorizzate infatti ad eseguire una sola operazione a settimana»

L'ospedale "Annunziata" di Cosenza

COSENZA «Stamattina nella commissione consiliare sanità, ho denunciato la grave situazione che sta verificandosi all’ospedale di Cosenza. Ancora oggi, le sale operatorie non hanno ripreso a pieno la loro normale attività: le unità operative sono autorizzate infatti ad eseguire una sola operazione a settimana». Questo quanto afferma in una nota Damiano Covelli, consigliere d’opposizione del PD del Comune di Cosenza. «Una situazione che allunga inesorabilmente le lista di malati anche con patologie oncologiche e mette a serio rischio la vita dei pazienti.
Se la situazione non dovesse tornare alla normalità, ho annunciato di essere pronto a proteste eclatanti, finanche ad incatenarmi ai cancelli dell’ospedale».
«Il presidente della commissione sanità e tutta la commissione, condividendo le mie preoccupazioni e sollecitazioni – spiega Covelli – si sono resi disponibili a chiedere un incontro urgente alla Dottoressa Panizzoli, commissario all’azienda ospedaliera, per discutere e superare questa situazione drammatica che si è venuta a creare. Non è accettabile che mentre in Calabria giustamente si riaprono bar, paninoteche e discoteche, negli ospedali non sia consentito curare e operare chi ne ha urgentemente bisogno».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto