Maltrattamenti in famiglia, arrestato un giovane calabrese a Roma

Il 28enne residente nella Capitale da diversi anni era diventato ormai l’incubo dei propri familiari, sottoposti negli anni a violenze verbali, minacce e aggressioni

ROMA Custodia cautelare in carcere per un 28enne, di origine calabrese e residente nella Capitale da diversi anni, che era diventato ormai l’incubo dei propri familiari, sottoposti negli anni a violenze verbali, minacce, aggressioni, costretti di fatto a subire continue vessazioni nel tempo e a vivere in un clima di terrore. In diverse occasioni i genitori erano stati costretti a ricorrere alle cure mediche presso il pronto soccorso per le lesione subite. Le indagini, condotte dagli uomini del commissariato Torpignattara, diretto da Giuseppe Amoruso, hanno permesso di ricostruire nei particolari il comportamento violento e fortemente vessatorio del giovane, i continui atteggiamenti aggressivi e minacciosi che, nel tempo, hanno subito un’escalation, al punto da far temere seriamente per l’incolumità delle vittime. Nei primi giorni di maggio, il 28enne, dopo aver ancora una volta devastato completamente l’immobile, ha colpito violentemente alla testa il padre con una grossa padella, procurandogli un trauma cranico guaribile in 15 giorni di prognosi. Le minacce non hanno risparmiato nemmeno la giovane sorella dell’arrestato, costretta più volte a rifugiarsi da amici e parenti. L’uomo e’ stato portato a Regina Coeli a disposizione dell’Autorità giudiziaria: dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate ed estorsione ai danni dei proprio congiunti.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto