Rifiuti, nuova ordinanza della Santelli: saranno portati fuori regione

Una situazione “emergenziale” che durerà al massimo 90 giorni, in sostituzione delle Comunità d’Ambito. Lo stoccaggio avverrà a San Giovanni in Fiore

discarica rifiuti Calabria

CATANZARO Un’emergenza, quella dei rifiuti in Calabria, ormai insostenibile e, in estate ormai inoltrata e in piena emergenza “post-lockdown” da Covid-19, è necessario trovare soluzioni alternative.
Questa, almeno, è la soluzione della Regione Calabria illustrata attraverso l’ultima ordinanza, la n.54 del 3 luglio 2020.
Di fatto Jole Santelli, in sostituzione delle Comunità d’Ambito di Cosenza, Catanzaro, Vibo Valentia, Crotone e della Città Metropolitana di Reggio Calabria, ha ordinato l’individuazione «di impianti extraregionali ove conferire i rifiuti prodotti dagli impianti regionali di trattamento pubblici e privati».
Si tratta, in ogni caso, di una situazione emergenziale della durata massima di 90 giorni e il cui costo è anticipato dalla Regione Calabria.Ma non è tutto.
Già perché con la stessa ordinanza la Regione ha chiesto all’Arpacal, l’Asp di Cosenza, i Vigili del Fuoco e la Protezione Civile di «verificare la fattibilità tecnica ed ambientale, imponendo eventuali prescrizioni, dell’operazione di stoccaggio» da effettuarsi nell’area della discarica di San Giovanni in Fiore.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto