Neonato con lividi e fratture sul corpo, chiuse le indagini sul padre

L’uomo è accusato dalla Procura di Catanzaro di aver causato ferite gravi al figlioletto di pochi mesi. Il bimbo era stato trasportato al Pugliese-Ciaccio lo scorso febbraio con diverse traumi

Pugliese pazienti dimessi

di Alessia Truzzolillo
CATANZARO È accusato lesioni personali aggravate nei confronti del proprio figlio neonato A. L., 27 anni, nato a Locri ma residente a Catanzaro. Il sostituto procuratore di Catanzaro, Stefania Paparazzo, ha vergato un avviso di conclusione indagini che lo accusano delle aberranti sofferenze inflitte al proprio figlio di appena tre mesi in più occasioni.
Stando al referto del pronto soccorso del Pugliese-Ciaccio di Catanzaro il bambino è arrivato il primo febbraio 2020 e presentava ecchimosi sul viso, sull’avambraccio col segno di un morso umano, frattura della clavicola destra senza callo osseo, fratture costali con callo osseo (quindi già calcificate e risalenti nel tempo). Ora l’uomo, difeso dall’avvocato Federico Sapia, ha 20 giorni di tempo per presentare memorie difensive o chiedere di essere ascoltato dagli inquirenti. (a.truzzolillo@corrierecal.it)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto