Lamezia, bocciato (anche) il Piano triennale del fabbisogno di personale

Il collegio dei Revisori, dopo aver stroncato il rendiconto 2019, ha espresso parere “non favorevole” anche per il piano occupazionale per il triennio 2020/22. L’Ente, allo stato attuale, è da considerarsi in “condizioni strutturalmente deficitarie”. Forti dubbi anche sul rispetto pluriennale dell’equilibrio di bilancio

di Giorgio Curcio
LAMEZIA TERME
Dopo il rendiconto 2019, dai Revisori arriva un’altra pesante stroncatura per il Comune di Lamezia e l’amministrazione guidata dal sindaco Paolo Mascaro. Lo scorso 17 luglio, infatti, il collegio dei Revisori composto da Ettore Domenico Riitano, Maria Aino e Francesco Vergata ha espresso un nuovo parere “non favorevole” che riguarda questa volta l’approvazione del “Piano triennale del fabbisogno di personale e piano occupazionale 2020/2022” e la rimodulazione della dotazione organica, così come era stato predisposto con la delibera di Giunta n. 81 dello scorso 27 febbraio.

LE CRITICITÀ Come già è avvenuto con il rendiconto 2019, i revisori hanno riscontrato alcune criticità che hanno di fatto portato alla bocciatura anche del piano triennale del fabbisogno. A cominciare – rilevano i tre revisori – dalla mancata approvazione del bilancio consolidato al 30 settembre 2019 con l’Ente che ancora non ha provveduto a farlo.
In caso di mancato rispetto dei termini previsti per l’approvazione dei bilanci di previsione, dei rendiconti e del bilancio consolidato, infatti, gli enti territoriali non possono procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo fino a quando non abbiano adempiuto. E Lamezia non fa eccezione.

CONDIZIONI DEFICITARIE L’altra criticità riscontrata riguarda proprio la mancata approvazione del rendiconto 2019. L’Ente, allo stato attuale, è da considerarsi in “condizioni strutturalmente deficitarie”.
Presi in esame, poi, lo stato del contenzioso in essere e relative passività probabili collegate, i debiti fuori bilancio attestati da responsabili dei servizi e lo stato degli organismi partecipati e relativi accantonamenti di bilancio per perdite, l’Organo di Revisione evidenzia che «non sussistono le condizioni per asseverare che il Comune, per effetto dell’adozione del piano dei fabbisogni di personale, non alteri il rispetto pluriennale dell’equilibrio di bilancio».

lamezia maggioranza

IL PIANO DEL COMUNE LAMETINO I dirigenti del Comune di Lamezia e il segretario generale hanno innanzitutto attestato e certificato che non sussistono nei relativi settori situazione di eccedenze e soprannumero di personale.
Il piano previsto dall’Ente, nello specifico, prevederebbe assunzioni a tempo indeterminato, incluse 7 progressioni verticali e dunque rientrante nel decreto “Mille proroghe” per il triennio 2020/2022 (non più del 30% dei posti previsti come nuove assunzioni per ciascuna categoria) mentre la spesa prevista dal Comune per le nuove assunzioni è così distribuita: 278.636,63 euro per il 2020; 185.723,16 euro per il 2021 e 85.723,16 euro per il 2022.
L’Ente, inoltre, avrebbe previsto assunzioni utilizzando i proventi conseguenti alle sanzioni per infrazioni al “Codice della Strada”. Su questo punto, però, i Revisori hanno posto l’accento raccomandando «la massima attenzione nel programmare le assunzioni stagionali rapportandole alle effettive entrate, procedendo a stimarle secondo criteri prudenziali, in mancanza dei quali si determinerebbe un aggravio per il bilancio dell’Ente».

LA BOCCIATURA I Comuni – così come previsto dalla normativa vigente – possono procedere ad assunzioni di personale a tempo indeterminato in coerenza con i piani triennali dei fabbisogni di personale e fermo restando Il rispetto pluriennale dell’equilibrio di bilancio asseverato dall’Organo di Revisione, non superiore al «valore della media delle entrate correnti relative agli ultimi tre rendiconti approvati, considerate al netto del fondo
crediti dubbia esigibilità stanziato in bilancio di previsione».
È proprio per questi motivi che i Revisori hanno respinto il piano presentato dal Comune lametino, invitandolo ad «adottare i provvedimenti di competenza» e in maniera tempestiva. (redazione@corrierecal.it)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto