Confagricoltura: «Agricoltori con licenza di caccia non possono abbattere i cinghiali»

L’associazione di categoria evidenzia come sia necessario seguire dei corsi di formazione evitando così di incorrere in sanzioni

LAMEZIA TERME «Sappiamo, e lo denunciamo da tempo, quanto l’emergenza cinghiali sia letteralmente devastante per le aziende agricole della nostra regione, siamo di fronte ad una situazione divenuta insostenibile e di fronte alla quale l’interlocuzione con la Regione Calabria ha portato ad alcuni risultati. Si tratta di obiettivi che sono comunque insufficienti ma sono il massimo che è possibile ottenere fino a quando la normativa nazionale non sarà modificata e per questo risultato – in collaborazione con la Regione – Confagricoltura sta lavorando quotidianamente. A quadro normativo immutato spingersi oltre – cosi come è accaduto in altre regioni – significa però andare incontro ad una impugnativa del Governo e ad una certa dichiarazione di incostituzionalità». E’ quanto dichiara Confagricoltura Calabria in un comunicato che prosegue: «Negli ultimi giorni, sull’onda di commenti affrettati in ordine ad una sentenza della Corte Costituzionale (n°. 160/2020 ) scaturita da un procedimento che aveva come protagonista la Regione Marche, in molti hanno interpretato in maniera estensiva la decisione arrivando ad affermare che tutti gli agricoltori muniti di un regolare permesso di caccia potrebbero abbattere, sui loro terreni, i cinghiali.
Purtroppo non è cosi ed invitiamo tutti i nostri associati e gli agricoltori a non assumere iniziative che non sono autorizzate, né dalla citata sentenza della Corte, né dalla legge nazionale o dal regolamento regionale. Proviamo a fare chiarezza. In Calabria, grazie alle richieste di Confagricoltura e delle organizzazioni agricole, la Regione ha innalzato il numero dei capi da abbattere in forza del Piano di selezione, è insufficiente ma è un primo traguardo; in più – ed è la circostanza significativa – oltre alle tradizionali battute è anche autorizzata la caccia al singolo cinghiale e gli agricoltori possono sì procedere ma a patto che abbiano il relativo permesso e siano anche in possesso di un titolo abilitativo come “selettori”. E’ necessario dunque frequentare specifici corsi di formazione che, per inciso, vengono tenuti anche dalle organizzazioni di rappresentanza del settore agricolo. E’ bene, in una materia cosi complessa e che riguarda l’esasperazione di molti agricoltori alle prese con raccolti devastati o piante distrutte, non diffondere messaggi sbagliati o non del tutto corretti; il rischio  è che qualche imprenditore agricolo passi alle vie di fatto ritenendosi autorizzato e vada incontro, invece, a multe e procedimenti. Oltre al danno, insomma, anche la beffa».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto