Cerca di suicidarsi, salvato in extremis dai carabinieri

Trasportato in gravi condizioni in ospedale a Cosenza, un giovane di 21 anni è stato dichiarato fuori pericolo

RENDE Salvato in extremis dai Carabinieri che l’hanno letteralmente liberato dal cappio che si era stretto attorno al collo. Protagonista del tentato gesto estremo un 21enne lamentino domiciliato in una palazzina a Rende, dove è stato trovato agonizzante.
I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Rende, prontamente allertati dagli operatori della Centrale Operativa di Cosenza, intervenivano tempestivamente presso l’abitazione del giovane il quale, a seguito di una delusione amorosa, inviava un messaggio di addio ad un’amica, e tentava il suicidio procurandosi ferite da taglio ai polsi e soffocandosi con un cavo al collo ancorato a un’anta di un armadio della propria abitazione.
I Carabinieri, allertati telefonicamente dai genitori del ragazzo che convulsamente davano sommarie indicazioni su dove lo stesso vivesse, senza specificare bene l’ubicazione dell’appartamento, raggiungevano la palazzina segnalata e dopo aver scavalcato la recinzione esterna venivano attirati dalla musica ad altissimo volume proveniente dal retro del fabbricato.
Gli operanti, avendo intuito che il giovane si trovasse proprio all’interno di quell’abitazione, sfondavano la porta di ingresso ed accedevano all’interno dell’appartamento in cui trovavano l’aspirante suicida esanime pertanto lo soccorrevano tagliando il cavo che aveva legato al collo, tamponando le ferite ai polsi e praticandogli un massaggio cardiaco.
Il provvidenziale soccorso consentiva di scongiurare il decesso del malcapitato e agevolare le cure dei sanitari del 118 che lo trasportavano presso l’Ospedale dell’Annunziata di Cosenza, ed evitavano il tragico epilogo. Uno dei militari operanti, nel tagliare il cavo legato al collo della vittima, si è procurato accidentalmente delle ferite da taglio alla mano destra a seguito delle quali si rendevano necessarie le cure dei sanitari del 118 di Cosenza.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto