Coronavirus, positivi alcuni dipendenti del Comalca. L’Asp chiede la chiusura

La struttura distribuisce frutta e verdura in tutta la Calabria. La società che gestisce il centro a Catanzaro ha disposto la sospensione delle attività fino agli accertamenti. Ma l’Azienda sanitaria provinciale invita alla chiusura: «Riapertura solo dopo l’esito delle indagini»

CATANZARO Alcuni dipendenti del Comalca, il Consorzio ortofrutticolo che distribuisce frutta e verdura in tutta la Calabria, sono risultati positivi al Covid-19. Dopo la notizia di un primo caso positivo i colleghi, ieri, si sono recati al pronto soccorso di Catanzaro per sottoporsi al tampone, ma il personale medico dell’ospedale Pugliese, ha spiegato loro che la prassi prevede che sia l’Azienda sanitaria provinciale a gestire lo screening dei contatti. Appena ricevuta comunicazione del caso, il Comalca dopo avere informato a mezzo Pec le Autorità sanitarie territoriali competenti, ha invitato gli operatori del mercato affinché intraprendessero anche in autonomia ogni misura straordinaria atta a garantire la salute e la sicurezza di tutte le persone operanti nel mercato.

ASP: «MEGLIO CHIUDERE PER PRECAUZIONE»
L’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro sulla base dell’indagine epidemiologica effettuata sui casi positivi al Covid-19, riscontrati in una struttura di vendita operante nel Comalca a Catanzaro, consiglia la chiusura del Consorzio «con decorrenza dal 30 settembre 2020». È quanto afferma in una comunicazione che l’Azienda sanitaria ha indirizzata al sindaco del capoluogo Sergio Abramo. L’indicazione dell’Asp riguarda la necessità «di poter effettuare tamponi oro-faringei per la ricerca del Covid-19 sul personale ivi operante». La riapertura, precisa l’Asp «sarà possibile dopo l’esito della predetta indagine». La società Comalca, al riguardo, si rimette alla decisioni delle autorità: «Se il sindaco deciderà di chiudere chiuderemo, altrimenti resteremo aperti». Il Consorzio Comalca, che distribuisce frutta e verdura in tutta la Calabria, ha già disposto la sanificazione dei locali.

LA POSIZIONE DELL’AZIENDA «Al contempo – fanno sapere –  il mercato prosegue la sua attività mantenendo il più elevato grado di prevenzione e controllo e le più severe verifiche del mantenimento delle distanze interpersonali con l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale già adottate sin dall’inizio della pandemia e che finora hanno garantito il regolare svolgimento dell’attività in piena sicurezza sia per gli operatori che per gli utenti».  Con riferimento, infine, ad eventuali misure che le Autorità sanitarie competenti intendessero attivare, il Comalca rimane in attesa di comunicazioni ufficiali mentre ha già disposto la sanificazione dell’intero mercato. Intanto, da stamattina, è chiusa in via precauzionale l’attività dell’operatore il cui dipendente è risultato positivo.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto