Asp Catanzaro, audizione “fiume” in Antimafia. Latella: «Ancora ostacoli alla nostra azione» – VIDEO

Commissari dell’azienda sanitaria per 2 ore e mezza davanti la Bicamerale. Il prefetto: «Ci sono ancora criticità, il nostro lavoro non è facile ma proseguiamo»

Latella Luisa Asp Cz

CATANZARO Un’audizione “fiume” segno di un’attenzione davvero particolare sul tema delle infiltrazioni della ‘ndrangheta nella sanità calabrese. Per due ore e mezza la commissione straordinaria che guida l’Asp di Catanzaro, sciolta per inquinamento ‘ndranghetistico nel settembre 2019, si è sottoposta all’esame della Commissione parlamentare antimafia, nel primo ciclo di audizioni della seconda giornata di missione nella Prefettura del capoluogo calabrese.

LATELLA: ANCORA CRITICITÀ E OSTACOLI «È andata bene, abbiamo dato il quadro di tutto quello che stiamo portando avanti, ci sono state parecchie domande», ha commentato con i giornalisti, al termine dell’audizione, il prefetto Luisa Latella, membro della commissione straordinaria dell’Asp, accompagnata dal collega Salvatore Gullì. La Latella non ha nascosto le difficoltà di un’azione di risanamento chiamata a mettere ordine in un’Azienda sanitaria zeppa di “ombre”: «Ci sono ancora – ha proseguito il commissario dell’Asp di Catanzaro – tantissime criticità, le abbiamo più o meno espresse alla Commissione antimafia. Stiamo provando a portare avanti un lavoro che non è facile, anche perché spesso è un lavoro che non trova facilità di azione perché è spesso ostacolato. Non solo all’interno, anzi l’interno, per molti aspetto, devo dare atto che sta rispondendo bene e collabora». Quanto al futuro, la Latella si è limitata a ricordare che «noi restiamo fino a marzo, poi si vedrà».

IL PLAUSO DELLA NESCI Un plauso all’azione della commissione straordinaria dell’Asp di Catanzaro è arrivato dalla deputata del M5S, Dalila Nesci. «Sono soddisfatta dell’audizione in Commissione parlamentare Antimafia della triade commissariale dell’Asp di Catanzaro». «I commissari – ha proseguito la Nesci – stanno facendo un grande lavoro di ripristino della legalità, per migliorare la qualità dei servizi sul territorio. Il disavanzo ha cominciato a diminuire ed è stato finalmente interrotto il sistema truffaldino delle doppie fatturazioni che, per anni, ha drenato preziose risorse che invece dovevano essere destinate al diritto alla salute dei calabresi».
«La triade commissariale – ha evidenziato la Nesci – ha provveduto ad avviare numerosi procedimenti disciplinari e verifiche preventive sui casellari giudiziari dei dipendenti. I dirigenti che sono stati compiacenti con il sistema di illegittime proroghe ed affidamenti diretti ad aziende e fornitori collegati al clan Iannazzo-Cannizzaro-Daponte non devono più ricoprire ruoli apicali all’interno dell’Asp». «Sono emerse – ha concluso la deputata M5S – richieste legittime di assunzioni per coprire il turnover dell’Asp che segnalerò subito al Generale Cotticelli, affinché provveda». (a. cant.)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto