‘Ndrangheta in Veneto, condanne per 116 anni nel processo contro i Grande Aracri

Il gup del rito abbreviato di “Camaleonte” ha pronunciato la sentenza per 32 imputati. Le pene più alte sono andate agli esponenti della ‘ndrina cutrese. Condannati anche noti imprenditori

VENEZIA Condanne per poco meno di 116 anni complessivi di pena e 15 milioni di euro di confisca di beni, sono la sentenza emessa oggi dal Gup di Venezia Luca Marini nel processo con rito abbreviato nei confronti di 32 imputati nell’inchiesta “Camaleonte”, che ha alzato il velo su infiltrazioni di ‘ndrangheta tra le province di Padova, Vicenza, Venezia e Treviso.
Le pene più alte sono andate a Michele Bolognino, esponente della cosca Grande Aracri, con 13 anni e 4 mesi. Condannato anche un altro fratello Bolognino, Francesco, a 6 anni e 4 mesi, e alcuni imprenditori veneti come Adriano Biasion, impresario edile di Piove di Sacco (3 anni) e Leonardo Lovo di Camposampiero (2 anni).
Le indagini, coordinate dalla Dda di Venezia, sono state eseguite dai Carabinieri del Comando provinciale di Padova. Il primo filone del processo si conclude oggi, mentre il dibattimento continua su due fronti, uno padovano in corso per reati di associazione mafiosa – tra gli imputati c’è il terzo fratello Bolognino, Sergio, e il calabrese Antonio Genesio Mangone – e un altro filone veneziano per i reati di bancarotta e false fatture.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto