Covid-19, la mappa dei contagi nel Reggino

Cresce il numero dei casi registrati nella provincia. A Gioia, Villa San Giovanni, Oppido e Melicucco si segnalano i nuovi positivi. L’appello dei sindaci è unanime: «Osservate le regole»

REGGIO CALABRIA Il bollettino dei nuovi positivi in città e provincia si aggiorna costantemente. L’invito pressoché unanime di tutti i sindaci è rivolto principalmente ai giovani, un appello a osservare le regole di prudenza per rallentare il contagio. Stamattina sono state sanificate le aule del Cedir e del giudice di pace a causa di un avvocato che ha partecipato a udienze ed è risultato positivo.

GIOIA TAURO I casi di Covid-19 accertati ad oggi a Gioia Tauro sono saliti a otto, e sono tutti in quarantena sotto la stretta sorveglianza sanitaria del dipartimento di prevenzione. Lo rende noto il sindaco di Gioia Tauro Aldo Alessio. «Raccomandiamo tutti – invita il primo cittadino – a una maggiore prudenza e a non sottovalutare il pericolo del Covid-19. Chiediamo, ancora una volta, a tutti i nostri concittadini una maggiore collaborazione, responsabilità e soprattutto buon senso. Troppi giovani frequentano Piazza dell’Incontro e altri punti di ammassamento senza alcuna precauzione e prudenza, in particolare senza mascherina e senza rispettare il distanziamento sociale. Dobbiamo avere più rispetto verso gli anziani e le persone più fragili e a maggiore rischio sanitario. Facciamo appello alle famiglie affinché diano i giusti consigli ai propri figli e vigilino sul loro comportamento anche fuori di casa. Siamo fiduciosi sul buon comportamento dei cittadini gioiesi. Diversamente saremo costretti a emanare ordinanze sindacali con misure più restrittive dalle attuali. Lunedì, decideremo sulla eventuale chiusura del cimitero durante i giorni antecedenti e successivi al giorno della commemorazione dei defunti».

VILLA SAN GIOVANNI Tre nuovi casi a Villa San Giovanni, uno dei quali è riconducibile alla clinica Nova Salus: il paziente è in corso di trasferimento al reparto covid di Reggio. Gli altri due sono entrambi in isolamento domiciliare da giorni. Lo rende noto l’amministrazione comunale. «Di concerto con la Prefettura, con la Città Metropolitana e con gli altri Comuni – si legge in una nota – si procederà, nel fine settimana, al monitoraggio delle piazze e delle zone critiche per decidere se e quali piazze chiudere o come regolamentare l’accesso ed il transito. La Prefettura ha preso l’impegno che il controllo del territorio sarà assicurato dalle forze dell’ordine. Effettivamente, già da ieri sera, anche a Villa alcune volanti hanno pattugliato il territorio proprio per attuare il monitoraggio. Abbiamo sollecitato, ovviamente, anche la nostra polizia locale al massimo sforzo per il controllo del territorio. Abbiamo, sul punto, coinvolto anche le forze di opposizioni che hanno convenuto sul metodo e, qualora si evidenziassero situazioni di criticità, hanno espresso il loro favore per la chiusura delle piazze e dei luoghi dove si formano assembramenti. È in atto un confronto continuo con i medici di famiglia e con le associazioni soprattutto per quanto riguarda la collaborazione per sensibilizzare la comunità a fare squadra per il rispetto delle regole. Stiamo procedendo alla distribuzione delle mascherine alle famiglie indigenti e ad aiutare le famiglie in isolamento domiciliare all’acquisto dei beni di prima necessità». «L’amministrazione – si legge ancora nella nota – vorrebbe mantenere aperti i cimiteri per la prossima commemorazione dei defunti. Sul punto anche le forze di opposizione hanno manifestato il loro consenso. Ovviamente l’apertura, che comunque dovrà avvenire nel rispetto di tutte le norme anticovid, con ingressi contingentati, non potrà avvenire qualora la situazione complessiva dovesse sconsigliarlo. Entro la serata di oggi o al massimo domani sarà dato avviso. Prenderemo una decisione dopo aver consultato tutti i comuni limitrofi al fine di avere la massima condivisione».

OPPIDO MAMERTINA Il sindaco di Oppido Mamertina, Bruno Barillaro, informa la cittadinanza di avere ricevuto in via ufficiosa comunicazione di tre nuovi casi di positività al Covid-19, relativi alla frazione di Messignadi. Si contano, quindi, attualmente 8 casi di positività (nella sola frazione di Messignadi). Si raccomanda, pertanto, essendo la situazione sempre più critica, a tutti coloro i quali sono a conoscenza delle persone contagiate e con le quali hanno avuto contatti diretti, di osservare rigorosamente l’isolamento volontario, in attesa di essere contattati dalle autorità competenti.

MELICUCCO Il sindaco Salvatore Valierioti annuncia che nella mattinata di oggi, un cittadino è risultato positivo al Covid-19. La stessa persona, che si trovava già in quarantena domiciliare, è di rientro da fuori. È stato avviato il tracciamento delle persone con cui è entrato in contatto, a cura di ASP, Forze dell’ordine e Comune. «Invito tutti – scrive Valerioti – a mantenere la calma, a rispettare le norme ed i protocolli in vigore, a utilizzare la mascherina, rispettare la distanza interpersonale ed evitare luoghi affollati e comunque non creare assembramenti».

PRIMO CASO A BENESTARE Il sindaco Domenico Mantegna ha reso noto di essere stato informato oggi dal Responsabile territoriale dell’Asp di Reggio Calabria, Pier Domenico Mammì, e successivamente dalle Forze dell’Ordine che, sul territorio comunale, una persona è risultata positiva al secondo tampone per la diagnosi del Covid-19.
La persona in questione è residente a Benestare e si trovava in isolamento domiciliare volontario da oltre 6 giorni e ad oggi il suo stato di salute è complessivamente buono, presentando solo lievi sintomi.
Pertanto, d’intesa con le autorità sanitarie, è stata tempestivamente disposta la misura della quarantena obbligatoria con ordinanza sindacale presso il proprio domicilio, non essendo necessarie particolari cure mediche.
Sono state disposte immediatamente tutte le attività necessarie per ricostruire le vicende relative al contagio che sembrerebbe avvenuto fuori dal contesto locale.
«Si rassicura la cittadinanza – scrive il sindaco di Benestare – che il suddetto caso è al momento isolato e circoscritto grazie anche alla condotta responsabile del cittadino al quale vanno i nostri migliori auguri di pronta guarigione. In questo particolare momento non è necessario chiederci incessantemente chi sia la persona positiva, piuttosto è indispensabile continuare ad adottare ancora di più tutte le misure previste dalle stringenti disposizioni normative vigenti al fine di preservare la salute pubblica». (f.p.)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto