La denuncia di Fismu: «Siamo al collasso. Regione attivi strutture e personale prima»

Il segretario nazionale Esposito e il segretario regionale Picarelli chiedono un intervento deciso e risorse da parte delle istituzioni locali per arginare la pandemia. «Abbiamo avuto diversi mesi per prepararci, ora decisioni immediate»

CATANZARO Il segretario regionale di Fismu (Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti) Claudio Picarelli esprima la forte preoccupazione dei medici calabresi e anche dei molti cittadini che assistono da settimane «all’assenza di iniziative della Regione per contrastare la diffusione del contagio da Covid19. L’epidemia corre, ma le istituzioni sono immobili. Abbiamo avuto molti mesi per prepararci, assumere personale, organizzare i servizi, potenziarli tanto sul territorio così come negli ospedali, posti letto, pronto soccorso e unità di cure intensive, strutture e risorse per proteggere i cittadini e per far operare in sicurezza i endici, gli infermieri, tutti gli operatori sanitari. Invece, quasi il nulla. Rischiamo il collasso sociale e sanitario. Si cambi rotta subito. Il tempo a disposizione si esaurisce, servono decisioni immediate».
Gli fa eco, il segretario nazionale del sindacato, Francesco Esposito, anche lui calabrese, impegnato da mesi in una dura battaglia per sensibilizzare Governo Conte, il ministro Speranza e le regioni (tutte) «sull’urgenza di assumere, a livello nazionale, 10mila medici precari per potenziare davvero il territorio (evitando di scaricare tutto il peso dell’emergenza su ospedali, pronto soccorso, 118, e medici di medicina generale), e avere una prima linea efficace contro il Covid19, dando gambe a quella che una volta si chiamava la medicina dei servizi (ora quasi smantellata): un settore che si occupava appunto di epidemiologia, vaccinazioni, prevenzione e medicina scolastica (ecc)».
Quindi nel merito della situazione calabrese, il segretario nazionale sottolinea: «È arrivato il momento del fare, dell’agire, basta indugi, siamo in ritardo e siamo sull’orlo del baratro. La regione, le Asp devono dare subito delle risposte: in tutta la regione attivare le Uccp e le Aft, cioè le forme organizzate di medicina di gruppo sul territorio, quindi bisogna risolvere i problemi del 118, ridando fiducia ai medici del settore. Quindi si pubblichino le zone carenti della continuità assistenziale. Si attivino le Usca. Le risorse previste e stanziate dal governo centrale – conclude Esposito – devono essere utilizzate subito, i progetti con i fondi del POR rimodulato, ben 130 milioni di euro, devono essere messi in campo. Se non ora quando, o dobbiamo aspettare inerti le drammatiche immagini dei camion delle forze armate trasportare le bare dei nostri cittadini?!»





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto