Venne fermato con 4 chili di droga nel bagagliaio, patteggia una pena di 4 anni

L’uomo, 51enne reggino noto in città come allenatore di calcio dilettantistico, era stato fermato lo scorso luglio agli imbarcaderi di Villa San Giovanni. Era inoltre titolare di un negozio e percettore di reddito di cittadinanza

REGGIO CALABRIA Felice Melchionna ha patteggiato una pena di 4 anni e 8 mesi dopo esser stato fermato lo scorso luglio in procinto di attraversare lo Stretto di Messina con circa 4,3 chili di cocaina occultati nel motore di un’auto presa a noleggio. Dopo l’arresto operato dalla Guardia di finanza del comando provinciale di Reggio Calabria nella zona degli imbarcaderi di Villa San Giovanni, l’accusa mossa dalla procura nei confronti del 51enne – noto in città per essere allenatore dell’Hinterregio – era di produzione, traffico e detenzione di stupefacenti ai sensi dell’articolo 73 del “testo unico”.
L’uomo, era stato colto in flagranza di reato quando i militari, supportati dalle unità cinofile attive sul posto, avevano trovato la droga all’interno di 4 panetti occultati in un vano per il filtraggio dell’aria condizionata, posizionato sotto il cofano-motore dell’autovettura. Gli ulteriori accertamenti operati presso il b&b di Reggio, dove dimorava e la sede del negozio di calzature in via Garibaldi di cui è rappresentante legale, avevano permesso di ritrovare anche ulteriori strumenti per la lavorazione dello stupefacente e documentazione afferente al traffico della droga. Inoltre, dalle successive indagini è emerso che il Malchionna era percettore di reddito di cittadinanza di cui il giudice ha disposto la sospensione a far data dallo scorso 7 luglio.
Anche per questo, comparso davanti al gup Federica Brugnara, difeso dal suo legale Giuseppe Domenico Morabito, ha deciso di patteggiare la pena per poter accedere all’eventuale sconto della stessa.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto