Rinascita-Scott, arrestato il latitante Rosario Pugliese: era sfuggito al maxi-blitz – VIDEO

Il 54enne, detto “Cassarola” secondo gli inquirenti controllava il quartiere Affaccio di Vibo. Rapporti tesi con le altre “locali” cittadine che ne avevano ordinato l’esecuzione

VIBO VALENTIA Si è conclusa la latitanza di Rosario Pugliese detto “Cassarola”, classe 66, finito nella maxi indagine Rinascita-Scott. In occasione del blitz dello scorso 19 dicembre era riuscito a sfuggire all’arresto riuscendo così a protrarre la propria latitanza per poco meno di un anno. L’arresto è stato effettuato dai carabinieri del Comando provinciale di Vibo Valentia e l’uomo dovrà ora affrontare l’iter giudiziario che vede il suo nome tra i 355 indagati rinviati a giudizio.
Esponente di spicco della ‘ndrina egemone sulla città, secondo l’accusa avrebbe controllato in particolare, con il suo gruppo la zona dell’Affaccio, quartiere a sud di Vibo.
Lo scorso 27 febbraio, i carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Vibo Valentia avevano eseguito un’ordinanza di custodia cautelare a carico di quattro persone coinvolte in due consistenti ritrovamenti di armi risalenti al 2019 ed al 6 febbraio 2020 e già detenute per l’operazione “Rinascita-Scott”, ritenuti appartenenti alla cosca “Pardea-Ranisi”. Le armi trovate, fucili automatici e pistole, oltre a munizioni e giubbotti anti-proiettili, secondo gli investigatori dovevano essere utilizzate per uccidere proprio Pugliese.
Alle 10.45 nella sala briefing del Comando Provinciale Carabinieri di Vibo Valentia si terrà la conferenza stampa per illustrare i dettagli della cattura del latitante Rosario Pugliese detto Saro Cassarola. All’incontro renderà dichiarazioni il Procuratore Nicola Gratteri.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto